CS pianifica i licenziamenti a partire dal prossimo lunedì – La grande banca avvia il programma di liquidazione senza attendere le vacanze. I piccoli pagano 10 anni Urs Rohner.

Finews.ch 30.10.20

Le cose stanno accadendo al Credit Suisse in rapida successione. Dalla prossima settimana, secondo una fonte, il team ei capi dipartimento dovranno consegnare la lettera blu ai dipendenti.

È l’inizio di un importante taglio di posti di lavoro, con migliaia di dipendenti che finiscono per strada.https://d-25617139882186694223.ampproject.net/2010132225003/frame.html

Nel middle management, il periodo di due mesi prima di Natale e la fine dell’anno è controverso. Perché non aspettare almeno fino a gennaio?

Un portavoce di CS non ha voluto commentare l’argomento. Ha fatto riferimento alla dichiarazione ufficiale secondo la quale sarebbero stati creati anche molti nuovi posti di lavoro.

CS vuole risparmiare fino a 450 milioni all’anno con il programma. Ciò corrisponde a oltre 2.000 posti di lavoro. Se colpisce principalmente le persone a livello di base e nel back office, ce ne sono molto di più.

Al fine di attutire le difficoltà, CS ha deciso di fornire assistenza. Il programma per questo si chiama RIF – Reduction In Force – è una sorta di piano sociale interno.

RIF non cambia il fatto che l’equipaggio sta ora pagando il prezzo per gli errori e la cattiva gestione al vertice.

Guarda nel nulla (CS)

Un uomo è sul ponte da quasi 10 anni: Urs Rohner. Dal 2011, ha inviato CS come presidente sul percorso che ora sta diventando un test di resistenza.

Ancora una volta. Né con l’americano Brady Dougan né con l’Ivoirer Tidjane Thiam, la riva è entrata in acque tranquille.

È un patchwork costante, con la regola del hust-and-hott; un eterno rimodellamento.

Rohner è responsabile di questo.

Quanto poco ha ottenuto l’ex avvocato d’affari nei suoi 10 anni è stato dimostrato ieri nelle cifre del terzo trimestre. Il profitto è aumentato del 38 percento .

Costi alle stelle (IWM)

International Wealth Management si rivela un nuovo bambino problematico, dove un anno fa c’è stato un cambio di gestione: da Iqbal Khan a Philipp Wehle.

Gli affari sono crollati sotto Wehle ei profitti si sono sciolti più velocemente del ghiaccio del ghiacciaio. Dopo che Khan ha pompato l’attività con i prestiti, ora crolla sotto il successore di Wehle, con margini in erosione.

Gli investitori perdono i nervi saldi sul mercato azionario. Lanciano le azioni CS sul mercato. Il titolo ora costa poco più di otto franchi e mezzo.

Tragedia di Zurigo (Swissquote)

Nel complesso, CS, una volta una banca modello globale, ha un valore inferiore a Partners Group, un’azienda con un ventesimo del suo personale.

Alla chiusura delle negoziazioni di ieri, CS con sede a Zurigo ha portato una valutazione di 20,8 miliardi di franchi e Zuger Partners Group 21,7.

Da gennaio 2011, il CS ha perso più di tre quarti del suo peso. Il decennio di Rohner passa alla storia come perduto.