Moody’s alza il rating della Grecia mentre le riforme portano progressi tangibili

Di 6 novembre 2020, 22:53 CET Bloomberg.com

  • Le prospettive di crescita nei prossimi anni sono positive, afferma Moody’s
  • La Grecia entra in un blocco di tre settimane a partire da sabato

Moody’s Investors Service ha innalzato di una tacca il rating del credito sovrano della Grecia, nonostante l’effetto negativo della pandemia sull’economia e l’ annuncio di un nuovo blocco di tre settimane.

Il debito in valuta estera a lungo termine del paese mediterraneo è stato aggiornato a Ba3 con una prospettiva stabile da B1, il primo cambiamento da gennaio 2019. “Le riforme in corso supportano un miglioramento sostenibile della forza istituzionale e hanno già portato progressi tangibili in settori quali l’amministrazione fiscale e la conformità e la lotta alla corruzione “, ha detto Moody’s in una nota .

Il governo greco ha ricevuto elogi internazionali per aver gestito la prima fase della pandemia in primavera. A seguito di un aumento del numero di casi di coronavirus nell’ultima settimana e di un continuo aumento del tasso di occupazione delle unità di terapia intensiva, il governo ha deciso di imporre un nuovo blocco fino alla fine di novembre nel tentativo di tornare a un Dicembre “, ha detto il primo ministro Kyriakos Mitsotakis.

Il governo greco ha anche annunciato un nuovo pacchetto di misure di sostegno economico per un totale di 3,3 miliardi di euro (3,9 miliardi di dollari). Le riserve di liquidità del paese sono attualmente superiori a 37 miliardi di euro dopo che il governo è riuscito a sfruttare con successo i mercati, anche durante la pandemia, con costi contenuti, dato che le obbligazioni greche sono ammissibili per il programma di acquisto pandemico della Banca centrale europea.

Le prospettive di crescita del paese nei prossimi anni sono positive nonostante l’impatto negativo a breve termine della pandemia, in particolare sul settore turistico”, secondo Moody’s. “L’economia greca trarrà vantaggio dagli sforzi in corso per migliorare il clima degli investimenti insieme agli afflussi di fondi di ripresa europei molto consistenti”.

Moody’s prevede che il rapporto debito / PIL della Grecia aumenterà in modo significativo quest’anno, fino a circa il 200% del PIL, prima di scendere di nuovo dal prossimo anno in poi sulla scia della ripresa economica prevista. Si prevede che l’economia greca si contrarrà del 9% nel 2020, mentre il suo debito salirà al 207% del prodotto interno lordo, ha affermato giovedì la Commissione europea.

La sfida più importante per la Grecia è ridurre l’enorme stock di prestiti inaspriti, che è un’eredità della crisi del debito decennale. I crediti deteriorati superano i 60 miliardi di euro. Sebbene questo numero sia inferiore al picco di 107 miliardi di euro nel 2016, rende il rapporto tra crediti in sofferenza del paese il peggiore nell’Unione europea.

Il governo sta ora valutando un piano della Banca di Grecia per creare una bad bank che aiuterà gli istituti di credito a portare la loro esposizione agli NPL quasi a zero.

Fitch Ratings valuta il paese BB, mentre Standard & Poor’s BB-.

– Con l’assistenza di Paul Tugwell