Aspi: con Cdp tempi più lunghi per cessione (Messaggero)

Fonte: MF Dow Jones (Italiano)

L’a.d. di Autostrade, Roberto Tomasi, respinge lo spettro di un intervento straordinario sul gruppo Atlantia dove comunque gli sviluppi giudiziari di ieri con gli arresti dell’ex a.d. Giovanni Castellucci e di tre ex manager, potrebbero rendere complicato il cammino per la cessione di Aspi. 

Dopo l’incubo-revoca, scrive Il Messaggero, da ieri aleggia il fantasma del commissario. La politica soffia sul fuoco, i Cinquestelle avrebbero voluto un atto d’imperio per togliere la concessione al gruppo dopo il crollo del Morandi: non ci sono riusciti. Ma il commissario potrebbe concretizzarsi sulla scia dell’indagine della procura, in piedi da oltre un anno ma venuta a galla proprio nel momento più delicato. 

Anche l’Anac ora potrebbe intervenire in funzione della concessione. In passato si sono verificati due casi analoghi: Italcementi in Sicilia e le imprese della piattaforma Expo a Milano. Dal Mit fanno capire che il commissariamento è una ipotesi infondata sia sotto il profilo giudiziario che politico, ma al Mise la pensano diversamente. 

Comunque è curioso che l’accelerazione avvenga a ridosso del termine del 30 novembre posto da Atlantia a Cdp per fare un’offerta vincolante sull’88% di Autostrade. Sarebbe il terzo tentativo che chiude con un insuccesso, dopo i due negoziati arenatisi sulla manleva. E proprio la richiesta di una garanzia più corposa sul contenzioso pregresso potrebbe adesso di nuovo rinviare l’esito di una partita che comunque Atlantia si vuol giocare a tutto campo, nel caso in cui con Cassa non dovesse andare, convocando entro il 15 gennaio l’assemblea per la scissione proporzionale di Autostrade, in esecuzione del famoso accordo con il governo del 14 luglio. Resta il fatto che Cdp ancora oggi non è nelle condizioni di fare un’offerta migliorativa rispetto alle due precedenti non vincolanti (8,5-9,5 miliardi per il 100%). Non può farla perché gli sviluppi del caso Castellucci sono imprevedibili e perché governo e Art si rimbalzano il Pef con le nuove tariffe. Da Via Goito tra l’altro, trapela stupore per l’allungamento inspiegabile dei tempi. Atlantia ritiene non conforme la valutazione fatta finora da Casa, anche perché il fondo Tci (10%) punta su un valore di ll-12 miliardi, mentre Blackstone e Macquarie, partners di Cdp nella cordata, sono molto prudenti rispetto sui valori dell’offerta. Per il momento Aspi deve gestire la nuova bufera giudiziaria. 

pev 

fine 

MF-DJ NEWS 

1209:30 nov 2020 

(END) Dow Jones Newswires

November 12, 2020 03:32 ET (08:32 GMT)