GRECIA / PRODURRA’ I NUOVI DRONI ANTI MIGRANTI

4 Dicembre 2020 di: MARIO AVENA lavocedellevoci.it

Sarà localizzato in Grecia il nuovo sistema di controllo delle frontiere

dell’Unione europea per il contrasto dei flussi migratori.

La UE ha infatti appena siglato con la società greca Intracom Defense SA (IDE) di Koropi l’accordo di finanziamento da 9,7 milioni di euro del programma LOTUS – Low Observable Tactical Unmanned System.

Un sistema di sorveglianza dei confini terrestri e marittimi, di riconoscimento e monitoraggio multilaterale delle minacce e degli “obiettivi di alto valore, a terra e in mare”.

Spiega il blogger antimilitarista Antonio Mazzeo: “Il progetto LOTUS è indirizzato a valutare la fattibilità ed assicurare la progettazione, lo sviluppo e il collaudo di un sistema aereo a pilotaggio remoto ‘a bassa osservabilità, alta autonomia, navigabile e interoperabile’ per lo svolgimento di missioni d’intelligence, sorveglianza e riconoscimento”.

Al programma LOTUS, promosso e coordinato da Intracom Defense, concorrono gruppi industriali, scientifici e militari greci (Altus LSA a Creta, CFT di Killis, il ministero della Difesa, le Università di Patrasso e Salonicco, il Comando telecomunicazioni e elettronica dell’Aeronautica militare), ciprioti (Signals Generix, Cyric e Geoimaging), spagnoli (Embention) e olandesi (gruppo RHEA).

Intracom Defensa SA è uno dei maggiori gruppi industriali-militari ellenici, con una grossa presenza sul mercato internazionale soprattutto nel settore missilistico, dei velivoli e delle piattaforme marittime senza pilota, dei centri di comando, controllo, comunicazione e intelligence, dei sistemi di propulsione ibridi.

Continua Mazzeo: “Rilevanti anche le collaborazioni di Intracom Defense SA in ambito extra-europeo. Il 20 luglio 2020 ha reso noto di aver ottenuto una commessa di 58,6 milioni di dollari dal colosso Raytheon Technologies per la produzione di componenti elettroniche destinate al noto sistema di missilistica ‘Patriot’. Una ventina di giorni prima, Intracom aveva sottoscritto un contratto con il maggior gruppo industriale-militare israeliano, ‘Israel Aerospace Industries’ (IAI) per la fornitura di un Hybrid Energy Supply System destinato ai velivoli da guerra, con e senza pilota”.

LOTUS è finanziato nell’ambito dell’European Defense Industrial Development Program (EDIDP), il programma di sviluppo dell’industria militare europea che per il biennio 2019-2020 prevede una spesa complessiva di 500 milioni di euro, soprattutto per la produzione di droni e tecnologie connesse, sistemi aerospaziali e satellitari, velivoli terrestri senza pilota, missili ad alta precisione, nuove piattaforme navali”.