Alitalia: i paletti dell’atto costitutivo di Ita (Mess)

Fonte: MF Dow Jones (Italiano)

Italia Trasporto aereo (Ita) puo’ decollare a condizione che la sua rotta sia graduale, tenga conto della profonda crisi del mercato, causa Covid e non acceleri. Dalle carte dell’atto costitutivo della societa’, nata l’11 novembre, si evince che lo Stato ha tracciato i paletti per i passi futuri. Nelle carte, scrive Il Messaggero, c’e’ la lettera di Intesa Sanpaolo attestante l’accredito dei 20 milioni di capitale da parte del Mef. 

C’e’ un passaggio della road map particolarmente significativo: “si sottolinea l’opportunita’ che l’iniziativa sia avviata con la necessaria gradualita’, al fine di bilanciare la necessita’ di fondarla su basi solide – prevedendo quindi una dimensione industriale coerente con le prospettive di profittabilita’ e sostenibilita’ citate e cogliendo le opportunita’ offerte dai prezzi di mercato degli attivi e degli input – con l’esigenza di seguire la curva attesa di ripresa del mercato del trasporto aereo in relazione all’emergenza Covid-19 che mostra un recupero della domanda differenziato tra le diverse rotte (domestico, a corto-medio raggio, a lungo raggio) nel corso del periodo di piano e completo nel corso del 2023”. 

Per raggiungere l’obiettivo di efficienza, Ita-Alitalia dovra’ prevedere l’esercizio – in via diretta e/o attraverso societa’ partecipate e/o enti, e/o consorzi di linee e collegamenti aerei per il trasporto di persone e cose in Italia, fra l’Italia e Paesi esteri, ivi compresa la promozione, attuazione e gestione”. La societa’ curera’ “lo svolgimento direttamente e indirettamente in Italia e Paesi esteri di operazioni di riparazione o di manutenzione di aeromobili, noleggio e di assistenza a terzi, di groundhandling”. Viene precisato che “la realizzazione dell’oggetto sociale puo’ essere perseguita anche attraverso societa’ controllate o partecipate per la gestione dei singoli rami d’azienda”. 

Pur non essendo una societa’ quotata, lo Stato l’ha attrezzata con le norme delle societa’ pubbliche presenti in piazza Affari, come Eni e Leonardo. Ita infatti sara’ dotata di un dirigente per la redazione dei documenti contabili societari, a riporto dell’ad. Infine, sempre come molte quotate, non possono far parte del cda, pena decadenza automatica per giusta causa e risarcimento danni “coloro che sono stati condannati anche con sentenza non definitiva”. 

vs 

(END) Dow Jones Newswires

December 04, 2020 02:17 ET (07:17 GMT)