L’ex capo di Wirecard Braun ritira la sua denuncia di arrestoAnche l’ex amministratore delegato del prestatore di servizi di pagamento insolvente trascorrerà probabilmente la fine dell’anno in prigione. I suoi avvocati hanno ritirato una denuncia sull’interrogatorio in corso.

Spigel.de 18.12.20

Per circa cinque mesi, l’ex CEO di Wirecard Markus Braun è stato in custodia, e ora è probabile che trascorra il turno dell’anno in prigione. Gli avvocati di Braun hanno ritirato la denuncia.

Per quanto riguarda gli interrogatori in corso e non ancora conclusi, la denuncia è stata “per il momento ritirata”, hanno detto gli avvocati del manager austriaco. “Soprattutto dalla fine di gennaio 2021 il riesame della detenzione legale da parte del Tribunale regionale superiore di Monaco “.

Braun è stato arrestato alla fine di luglio. L’ufficio del pubblico ministero di Monaco ha sovvertito la sua prima denuncia alla fine di settembre chiedendo un nuovo mandato d’arresto esteso.

Gli investigatori vedono a Braun uno dei principali responsabili della “frode di bande commerciali”, in cui si dice che i dirigenti della Wirecard abbiano falsificato solo miliardi di affari per anni.

In questo modo, Braun e i suoi complici avrebbero ingannato banche prestatrici e investitori fino a 3,2 miliardi di euro, che ora sono probabilmente persi. In termini di contenuto, gli avvocati di Braun finora non hanno commentato né le accuse né gli interrogatori.