Coronavirus: prezzi unitari di diversi vaccini Covid-19 pubblicati per errore su Twitter – Un ministro belga ha pubblicato su Twitter i prezzi, fino ad ora rimasti riservati, dei vaccini anti-Covid, suscitando l’imbarazzo della Commissione Europea

20minutes.fr 19.12.20

Un ministro belga ha pubblicato su Twitter i prezzi, fino ad ora rimasti riservati, dei vaccini anti-Covid, suscitando l’imbarazzo della Commissione Europea

È quello che chiamiamo un gran ballo … Un ministro belga ha postato su Twitter i prezzi, fino ad allora rimasti riservati, dei vaccini anti-Covid, provocando l’imbarazzo della Commissione Europea. Eva De Bleeker ha pubblicato giovedì sul suo account Twitter una tabella che fornisce i dettagli degli importi promessi dal suo governo ai produttori per ciascuno dei sei vaccini ordinati, con il prezzo unitario nell’UE.

Il segretario di Stato belga incaricato del bilancio ha rapidamente cancellato il suo tweet, ma venerdì sono state scattate schermate e il contenuto era ancora visibile.

La secrétaire d’État au Budget, Eva De Bleeker (Open VLD), un brin impulsive, a mis un temps en ligne sur Twitter les prix, couverts par des clauses de confidentialité, des différents #vaccins auxquels la Belgique a souscrit: le tweet s’est évaporé. #TransparenceInvolontaire

Il prezzo unitario varia da 1,78 a 14,70 euro

Il grande pubblico ha così appreso che il prezzo unitario varia da 1,78 euro per il vaccino del gruppo svedese-britannico AstraZeneca , a 18 dollari USA (o 14,70 euro) per quello dell’Americana Moderna, in tramite quella di Pfizer / BioNTech che costa 12 euro. “Volevo essere trasparente, forse un po ‘troppo trasparente”, ha poi dichiarato Eva De Bleeker, ammettendo il suo errore davanti ai deputati belgi. Ma questo “non mette in pericolo” le consegne di vaccini al Belgio , ha assicurato il funzionario liberale fiammingo.

La Commissione Europea ha  ribadito venerdì l’importanza di rispettare questo “obbligo” di discrezione. “Tutto ciò che riguarda le informazioni come il prezzo dei vaccini è coperto dalla riservatezza, è un obbligo molto importante”, ha detto Stefan De Keersmaecker, portavoce dell’esecutivo europeo, durante la conferenza stampa quotidiana a Bruxelles. . “Si tratta di un requisito contrattuale” nell’ambito degli ordini già inoltrati ai gruppi farmaceutici, ha assicurato il capo del portavoce, Eric Mamer, sottolineando che quest’ultimo aveva ottenuto il rispetto di questa regola ovunque nel mondo.

Prezzi “coperti da clausola di riservatezza”

La divulgazione dei prezzi pagati in Europa espone la Commissione a difficoltà con le aziende farmaceutiche. La riservatezza “è nell’interesse dell’azienda (già sotto contratto) ma anche nell’interesse delle trattative in corso con altre aziende, con altri sviluppatori di vaccini”, ha proseguito Stefan De Keersmaecker. Il gruppo Pfizer ha effettivamente ricordato che i prezzi erano “coperti da una clausola di riservatezza prevista nel contratto con la Commissione”, secondo un portavoce di Pfizer Benelux affiancato dall’agenzia Belga.

Venerdì è rimasto sul thread Twitter del Segretario di Stato che ha scritto questo messaggio sull’argomento : “Ecco i fatti: 33,5 milioni di vaccini saranno acquistati quest’anno per 279 milioni di euro”. Un altro importo di 500 milioni sarà accantonato, questa volta dal budget 2021, per acquisti futuri.