Poste I.: Del Fante; presto in Cina, lavoriamo su logistica vaccini (Rep)

Fonte: MF Dow Jones (Italiano)

“Prestissimo apriremo due grandi aggregatori in Cina, due strutture fisiche create in joint venture con gruppi della logistica che collaborano con giganti dell’e-commerce come AliBaba e JD da cui passeranno tutti gli ordini fatti dai clienti italiani in quel Paese. Non era scontato vedere Poste sbarcare in Cina”. 

Lo ha detto a Repubblica l’amministratore delegato di Poste Italiane, Matteo Del Fante, aggiungendo che in Italia, nonostante la crisi, “non solo siamo rimasti in piedi, dando continuita’ al nostro servizio, ma siamo andati anche oltre i servizi ordinari, a differenza di molti altri concorrenti all’estero”. 

Tra i servizi non ordinari, Del Fante ha citato la consegna gratuita di “oltre un miliardo di mascherine in localita’ dove non era facile arrivare, alla protezione civile, alle scuole, alle prefetture. O che abbiamo anticipato la data di ritiro delle pensioni, istituito elenchi alfabetici per scaglionare i ritiri e fatto un accordo con i Carabinieri perche’ possano ritirare la pensione di chi ha piu’ di 75 anni portandogliela a casa”. 

Adesso ogni ufficio postale ha una coda davanti, “e’ vero, ma e’ il segno di un altro successo, quello dell’identita’ digitale. Poste e’ di gran lunga il primo fornitore di Spid in Italia. Un servizio che offriamo gratuitamente e che ci e’ costato decine di milioni di investimenti. E in queste settimane, con l’arrivo del cashback di Stato, ai nostri 12 milioni di Spid se ne stanno aggiungendo altri 200 mila al giorno. Un impatto forte che ha effetti anche sugli altri servizi. Per questo abbiamo deciso che per completare la procedure per lo Spid andando allo sportello si dovra’ prendere appuntamento”, ha spiegato il manager. 

Guardando ai conti, “il quarto trimestre risentira’ dei nuovi lockdown, ma in misura minore”; il fatturato non scendera’ a doppia cifra, “per altri valori non e’ ancora il momento di esprimersi. Ma quel che importa e’ che il mercato ha capito che quest’anno difficile ci consentira’ di ripartire più forte nel 2021”, ha precisato Del Fante. 

Poste sta crescendo nella logistica. Con la pandemia e’ piu’ difficile, ma “di sicuro piu’ necessario: con il boom dell’ e-commerce in questi giorni viaggiamo su un milione e mezzo di consegne di pacchi al giorno, quando un anno fa – era il Black Friday 2019 – la soglia di un milione di pacchi ci parve un miracolo. E sulla logistica stiamo lavorando anche per i vaccini”, ha continuato l’a.d. spiegando che “dietro la piattaforma che traccia i vaccini, dal momento del loro arrivo in Italia a quello in cui viene iniettata la singola dose, ci sono le nostre competenze informatiche. Meglio e prima si traccia il percorso dei vaccini e prima si possono somministrare. Un impegno che conferma il nostro ruolo di azienda piattaforma per il Paese”. 

Alla domanda su quali spinte vede, logistica a parte, per ripartire nel 2021, “in primo luogo l’attività finanziaria. Nel primo semestre 2020 abbiamo visto come tutti un aumento della raccolta netta. Cosi’ per il risparmio postale questo e’ stato un anno record, mentre nelle Polizze Vita, dove siamo i primi emittenti, ci stiamo spostando con gradualita’ su profili di rischio un po’ piu’ elevati per assicurare rendimenti che senno’, con i tassi a zero, sarebbero impossibili”. Ci sono altri spazi per Poste come assicuratore, “il piano e’ di aumentare l’offerta di protezione alla persona: sulla casa siamo a buon punto, sui danni ci sono ancora spazi e da gennaio partiremo con la Rc auto attraverso prodotti di Generali Ass. e Unipol venduti ai nostri sportelli”. 

Il boom dei pagamenti digitali puo’ aiutare: “i nostri mezzi di pagamento elettronici, carte comprese, sono in mano a 29 milioni di italiani. Ma per fare profitti in questo settore bisogna essere forti soprattutto nel cosiddetto “acquiring”, ossia fornendo i servizi di pagamento elettronico ai negozianti. Lo faremo sempre di piu’, anche attraverso l’innovazione che abbiamo appena lanciato, che permette di pagare semplicemente inquadrando un Qr code”, ha concluso. 

vs 

(END) Dow Jones Newswires

December 22, 2020 03:39 ET (08:39 GMT)