“Questo fa parte della nostra solidarietà” – Il CEO di Credit Suisse afferma che i banchieri hanno il dovere di accettare tagli ai bonus

Zerohedge.com 22.12.20

Oltre al suo rivale in città, UBS, il Credit Suisse ha avuto un paio di anni difficili. I tassi di interesse negativi hanno reso la vita difficile alle banche europee in generale. Ma nel 2019, il consiglio di amministrazione del Credit Suisse ha deciso di asportare l’amministratore delegato Tidjane Thiam, dopo che molti dei suoi subordinati sono stati costretti a lasciare prima di lui, poiché uno scandalo pacchiano che coinvolgeva spionaggio aziendale, uno scontro violento e un suicidio bombardavano i tabloid svizzeri.

CS sembrava vulnerabile e, non sorprende, il presidente di UBS Axel Weber ha visto un’opportunità: secondoquanto riferito, ha manovrato per progettare un legame tra i due giganti bancari svizzeri, che avrebbe potuto creare un gigante bancario europeo con pochi rivali.

Sebbene il boom delle entrate di trading quest’anno abbia certamente contribuito a rafforzare la fiducia nella gestione della banca, un paio di errori di alto profilo negli ultimi mesi stanno pesando sulle azioni CS e la banca sta lottando per superare la reputazione di giocare velocemente e liberamente con il legge, come ha favorito lo scandalo di spionaggio aziendale, insieme a ripetuti busti per riciclaggio di denaro per conto di organizzazioni criminali.

Tutto questo è probabilmente il motivo per cui l’amministratore delegato Thomas Gottstein si è seduto per un’intervista con due giornalisti del FT questa settimana, dove ha parlato dell’agenda di riforme per il 2021, che ha più volte definito una “tabula rasa ” . Il 2020 è stato “un anno di pulizia ” .“per la banca, che ha lavorato su accordi sia per Luckin Coffee che per Wirecard, due delle frodi contabili più note a saltare in aria negli ultimi due anni.

Naturalmente, la banca non sarà mai in grado di sradicare tutta la criminalità e l’autodisciplina che si svolgono a porte chiuse nelle megabanche mondiali. E Gottstein ha riconosciuto che la banca “avrà sempre problemi”.

“Non ci sarà mai una lavagna completamente pulita. Avremo sempre problemi, ma è certamente il mio obiettivo iniziare il 2021 con una lavagna il più pulita possibile”, ha detto Gottstein.

Poco dopo l’intervista, il procuratore federale della Svizzera ha annunciato accuse penali contro la banca per presunta facilitazione di riciclaggio di denaro sporco legato a una troupe mafiosa con sede in Bulgaria, che ha riciclato $ 160 milioni tramite la banca e il mese scorso il Credit Suisse ha informato gli investitori che prevedeva di prendere $ 450 MM ha colpito la sua partecipazione in York Capital Management dopo che l’alternative asset manager statunitense ha dichiarato che avrebbe chiuso le sue operazioni di hedge fund europei.

Ma con i Lloyd’s di Londra che annunciavano che i bonus erano stati “annullati” per il 2020 (cosa che deve aver fatto infuriare i dipendenti), il FT ha chiesto a Gottlieb se i banchieri del Credit Suisse avrebbero visto un calo simile nella compensazione. L’amministratore delegato ha detto senza mezzi termini che i bonus dei banchieri sarebbero stati inferiori rispetto allo scorso anno. Ha anche affermato che i tagli ai bonus facevano parte della “responsabilità sociale”, una nozione che ha usato solo vagamente.

“È troppo presto per dirlo, ma in generale ci si deve aspettare che i bonus scenderanno rispetto allo scorso anno e questo fa parte della nostra solidarietà e responsabilità sociale”, ha detto Gottstein. “Questa è una sfida, ma è qualcosa che l’intero settore deve affrontare.”

Gottstein accetterà anche un taglio di bonus “in solidarietà” con i suoi banchieri?