Mediaset: per consiglieri indipendenti serve intesa con Vivendi (Sole)

Fonte: MF Dow Jones (Italiano)

Una lettera al cda per supportare una soluzione consensuale nella disputa con Vivendi e per ribadire le proprie posizioni anche sul progetto europeo del Biscione. Questa la mossa dei consiglieri di minoranza di Mediaset. Una mossa che nei fatti da’ forma al crescente attivismo mostrato dagli stessi, soprattutto dopo l’estate, sui temi caldi di Cologno Monzese. Nella comunicazione fatta pervenire al Consiglio, a quanto risulta al Sole 24 Ore, viene sottolineato come sia necessaria una intesa con Vivendi in grado di mettere fine ad anni di contese controproducenti per la società e per i soci. A questo i tre consiglieri, indicati a suo tempo dai fondi aderenti ad Assogestioni – Giulio Gallazzi, Raffaele Cappiello e Costanza Esclapon De Villeneuve – aggiungono la richiesta di essere tenuti tempestivamente aggiornati sull’evolversi della trattativa con i francesi. 

Non si tratta di una comunicazione in tono critico quella affidata qualche settimana fa alla lettera di cui Il Sole 24 Ore puo’ dare conto. Allo stesso tempo, pero’, e’ una indicazione di quanto i componenti rappresentativi del “mercato” (i rappresentanti dei fondi sono entrati per la prima volta nel cda Mediaset nel 2015) vogliano mettere fine al corpo a corpo fra Mediaset e il socio francese, innescato quattro anni fa dal dietrofront di quest’ultimo sul contratto per l’acquisto della (ripudiata da Vivendi) pay-tv Mediaset Premium. E questo soprattutto in funzione di far ripartire il piano di un polo europeo della tv gratuita. 

Qualche giorno fa, in una intervista, l’amministratore delegato Pier Silvio Berlusconi si e’ detto pronto a proseguire su questa strada con o senza Vivendi. Ma un appoggio del secondo azionista semplificherebbe di molto le cose dopo lo stop dei tribunali a MediaForEurope: progetto, questo, che non era piaciuto ai consiglieri indipendenti di Mediaset contrari al meccanismo delle azioni speciali. Certo, la volonta’ di arrivare a un accordo con Vivendi non sarebbe una posizione esclusiva dei consiglieri di minoranza: e’ un pensiero condiviso all’interno del Consiglio e ribadito anche nell’ultima riunione pre-natalizia, tenutasi ieri. Ma dipende da come sara’ fatto questo accordo. 

Con questa ratio il comitato rischi di Mediaset ha affidato allo studio legale di Guido Alpa la predisposizione di una perizia che valuti la probabilita’ per Mediaset-Fininvest di prevalere nella causa civile intentata al Tribunale di Milano per il mancato accordo su Premium e la scalata del 2016 e in grado di quantificare anche l’ammontare del potenziale risarcimento derivante da questa azione legale per il quale il giudizio e’ atteso nei primi mesi del 2021. L’assessment e’ stato completato e consegnato ai vertici di Mediaset. Il contenuto del documento e’ secretato, ma costituira’ lo strumento principale di valutazione e di confronto nel momento in cui sul tavolo del cda arrivasse una proposta concreta di accordo da parte di Vivendi. Proposta che comunque, ha dovuto prendere atto il cda tenutosi ieri, non e’ al momento nell’aria. 

C’e’ poi il nodo risarcimenti – indispensabili per Mediaset e di cui Vivendi non vuole sentir parlare – che divarica le distanze fra le parti. La riunione di ieri del consiglio e’ servita anche per fare il punto sulla situazione alla luce delle numerose vicende delle ultime settimane (la chiusura delle indagini dell’inchiesta penale a carico di Vincent Bollore’ e di Arnaud de Puyfontaine; le comparse conclusionali del processo civile), mentre si e’ in attesa della pronuncia del Tar sulla delibera Agcom che aveva portato a “congelare” le quote di Vivendi in Mediaset nel 2017 e basata su un articolo del Tusmar dichiarato contrario alle norme europee dalla Corte di Giustizia Ue. La riunione di ieri e’ stata l’occasione anche per fare un aggiornamento sullo stato dell’operazione di riassetto di Ei Towers: la societa’, partecipata da Mediaset al 40%, si appresta a definire la vendita della controllata Towertel a Phoenix Tower International, un’operazione che si completera’ nel 2021 con un significativo beneficio per i conti Mediaset. 

vs 

(END) Dow Jones Newswires

December 23, 2020 03:32 ET (08:32 GMT)