Quando gli uffici si trasformano in appartamenti d’albergo

La crisi sanitaria obbliga, molti edifici per uffici sono diventati impossibili da affittare. Edgar Suites ha fatto la particolarità di trasformarli in appartamenti serviti. Si avvicina a proprietari di edifici, commercianti di proprietà o sviluppatori pronti a investire, porta il suo concetto e si impegna a un contratto di locazione a lungo termine.

L'un des appartements hôteliers d'Edgar Suites rue Le Marois, à Paris. La dernière adresse ouverte.
Uno degli appartamenti dell’hotel dell’Edgar Suites rue Le Marois, a Parigi. L’ultimo indirizzo aperto. (Delphine QUEME)

Di Elsa DicharryPubblicato il 25 dic. 2020 alle 10:28 lesechos.fr

La scommessa può sembrare ardita in questi tempi di pandemia, e mentre i turisti stranieri hanno, in gran parte, abbandonato la Francia negli ultimi mesi. Edgar Suites continua tuttavia a credere fermamente nel suo modello. L’azienda, nata nel 2016 e che impiega una ventina di persone, si è specializzata nella trasformazione degli uffici in appartamenti alberghieri.

“Ci stiamo avvicinando ai proprietari di edifici per uffici che sono diventati impossibili da affittare o agli investitori – commercianti di immobili, sviluppatori – che acquistano edifici. Finanziano i lavori di riabilitazione, seguiamo il cantiere dalla A alla Z, ci occupiamo della decorazione e ci impegniamo per un contratto di locazione di dodici anni ”, spiega Maxime Benoît, uno dei tre cofondatori con suo fratello Grégoire e Xavier O’Quin.

Piccole aree

L’azienda si rivolge a piccole aree che non interessano i gruppi alberghieri. E la crisi sanitaria ha fatto emergere opportunità, osserva il leader. Anche se le valutazioni rimangono elevate e alcune località sono ancora molto richieste. “Non avevamo mai ricevuto così tanti file”, dice. Gli edifici con piccoli piani per uffici non trovano più acquirenti. Abbiamo tre progetti in corso in edifici vuoti da marzo o aprile ”.

Per la prima volta, Edgar Suites sta lavorando a un’acquisizione di un hotel, sapendo che “la valutazione degli asset aziendali è diminuita” con la crisi, assicura Maxime Benoît. Ciò che tempera un hotel specialist, secondo il quale “ci possono essere delle occasioni da cogliere al volo su piccole superfici, ma nel complesso i prezzi degli hotel rimangono molto alti, soprattutto se la posizione è buona. “

Covid: continua la discesa agli inferi per il settore alberghiero

Hotel real estate: un mercato in declino ma investitori alla ricerca

Per il momento, Edgar Suites gestisce 3.000 metri quadrati di spazio distribuito su 17 siti a Parigi, Levallois-Perret e Bordeaux. Un nuovo indirizzo ha appena aperto rue Le Marois, nel 16 ° arrondissement della capitale. Tra il 2021 e il 2022 verranno consegnati altri 4.500 metri quadrati. L’azienda punta anche a nuove destinazioni: La Rochelle, Cannes, Angers, Lille, Neuilly-sur-Seine e Boulogne-Billancourt.

Soggiorni più lunghi

Progetti di sviluppo realizzati nonostante (o grazie?) Alla crisi sanitaria. “Resistiamo molto meglio degli hotel tradizionali”, afferma Maxime Benoît. Gli appartamenti indipendenti, con cucina attrezzata, lavanderia al piano seminterrato, senza reception, sono più in linea con le attuali esigenze.

Anche Edgar Suites si è adattato per continuare ad attirare i clienti. “In linea di principio, la durata media del soggiorno presso di noi è di 4,5 giorni. Negli ultimi mesi siamo passati da 40 a 50 giorni. Abbiamo dovuto abbassare i nostri prezzi, ammette il co-fondatore dell’azienda. Ma questo ci ha permesso di mantenere un tasso di occupazione medio dell’85%, contro il solito 95% ”. Dopo la crisi, l’azienda tornerà a soggiorni più brevi … e prezzi più alti.

Uffici per trasformare: nuovi competitor per il settore alberghiero

Gli uffici da trasformare non interessano solo gli investitori alberghieri. Da diversi anni questi “sono in concorrenza con investitori nel coworking” o spazi ufficio condivisi, indica Stéphane Botz, il capo del settore turistico-alberghiero di KPMG France. “Poiché la concorrenza è feroce, ci sono sempre meno trasformazioni di edifici per tutti gli usi in hotel”, continua. Inoltre, i progetti di trasformazione sono ora più spesso progetti misti che includono hotel, ma anche alloggi, uffici o ristorazione ai piedi dell’edificio. “Si stanno sviluppando concetti di tipo Coliving”, aggiunge Stéphane Botz. Alcuni luoghi prestigiosi nel cuore di Parigi rimangono riservati a progetti di hotel di lusso. Ma rispetto all’ultimo studio KPMG pubblicato sull’argomento nel 2016, “c’è stato un cambiamento”, continua l’esperto. Ai loro tempi, la Penisola, il Mandarin Oriental o lo Shangri-La erano esempi emblematici della trasformazione degli uffici in prestigiosi hotel della capitale.

Elsa Dicharry