Bitcoin: nuovo massimo storico a oltre $ 28.000La principale criptovaluta ha fissato un nuovo massimo storico mercoledì a $ 28.579,59. Il bitcoin è guidato dall’arrivo di investitori istituzionali.

La criptovaluta più famosa è di circa $ 30.000.
La criptovaluta più famosa è di circa $ 30.000. (Ozan KOSE / AFP)

Di Etienne GoetzPubblicato il dic. 2020 alle 10:30 Aggiornato il 30 dicembre. 2020 alle 11:01 lesechos.fr

Bitcoin sta per concludere l’anno con i fuochi d’artificio. Il prezzo della criptovaluta più famosa ha registrato un nuovo massimo storico mercoledì 30 dicembre a 28.579,59 dollari secondo i dati di Coindesk. A dicembre la valuta ha guadagnato il 50% e dall’inizio dell’anno l’aumento è stato di quasi il 300%. Nel 2020 bitcoin ha approfittato dell’afflusso di denaro dal mondo istituzionale . Secondo un sondaggio di professionisti di Bank of America-Merrill Lynch, il bitcoin è uno dei tre temi di investimento più popolari nei mercati.

Arrivo delle istituzioni

L’interesse per la criptovaluta può essere spiegato anche dalla crisi economica e dal calo del dollaro. Alcuni investitori vedono il bitcoin come una copertura contro l’inflazione e il declino del biglietto verde. Resta forte l’appetito dei privati , motore dell’aumento del 2017: ” sebbene la crescente presenza di istituzioni spieghi il mercato rialzista, si nota anche un crescente interesse da parte dei privati che lo percepiscono come una forma di oro digitale “, da Bloomberg Paolo Ardoino, CTO della piattaforma Bitfinex.

A differenza del 2017, l’impennata dei prezzi è ”  più graduale  “, punteggiata da ”  salti  ” e ”  sane correzioni  ” che consentono un buon ”  consolidamento  ” dei prezzi, spiega Naeem Aslam di Avatrade che pensa che i prezzi saliranno a $ 50.000. Altri analisti vanno oltre: Willy Woo, ad esempio, prevede un bitcoin a $ 200.000 alla fine del 2021. Una scommessa che considera “  conservativa  ”! Tra gli analisti di criptovaluta l’ottimismo è d’obbligo: il 2020 è stato una svolta e l’inizio di un nuovo capitolo per le criptovalute.

Il peso della regolazione

Nonostante l’ascesa e la democratizzazione del bitcoin, la regolamentazione rimane una preoccupazione per gli investitori, che pesa sui prezzi di alcune valute. Il mese scorso, il poliziotto dei mercati finanziari statunitensi, la Securities Exchange Commission (SEC), ha accusato Ripple Labs Inc. ei suoi dirigenti di ingannare gli investitori con il suo token XRP.

Se Ripple è determinato a contestare queste accuse, questo attacco fa temere nuovi interventi da parte dei regolatori nel mondo delle criptovalute. Sulla scia delle accuse, XRP è sceso del 70% e rimane sotto pressione dopo che Coinbase , uno degli exchange più popolari, ha deciso di interrompere il trading del token.

Etienne Goetz