La raccomandazione della BCE sui dividendi è stata ignorata da Small Bank in Finlandia – Una piccola banca finlandese ignora esplicitamente le linee guida normative europee sui dividendi con la giustificazione che ignorare i suoi azionisti sarebbe più rischioso a lungo termine.

Di 1 gennaio 2021, 19:15 CET

Una bandiera nazionale finlandese sventola dall'edificio del municipio di Helsinki.
Una bandiera nazionale finlandese sventola dall’edificio del municipio di Helsinki. Fotografo: Maija Astikainen / Bloomberg

Una piccola banca finlandese ignora esplicitamente le linee guida normative europee sui dividendi con la giustificazione che ignorare i suoi azionisti sarebbe più rischioso a lungo termine.

Alandsbanken Abp ha dichiarato venerdì di “scegliere di non seguire” le raccomandazioni dell’Autorità di vigilanza finanziaria finlandese e, per estensione, della Banca centrale europea.

La BCE ha esortato gli istituti di credito a mostrare moderazione con i dividendi e il riacquisto di azioni proprie alla luce della pandemia in corso e della minaccia che rappresenta per l’economia. Ma Alandsbanken afferma che non terrà conto di questa guida perché i suoi profitti nel 2019 “sono stati i più alti nei 100 anni di storia della banca”.

Le raccomandazioni normative “non fanno distinzione tra la banca più forte e quella più debole in Europa”, ha affermato Alandsbanken in una nota . Il suo consiglio di amministrazione “ritiene che i rischi a lungo termine per la banca potrebbero essere maggiori se, sulla base del nostro attuale livello di utili e rischi, scegliamo di seguire la raccomandazione normativa piuttosto che se iniziamo a prendere anche altri importanti gruppi di stakeholder della banca in considerazione.”

La BCE revoca il divieto dei dividendi bancari con un limite di pagamento del 15% sul profitto

Il mese scorso, la BCE ha revocato un divieto di fatto sui dividendi, ma ha esortato le banche a limitare tali pagamenti degli azionisti a meno del 15% dei profitti per il 2019 e 2020, o allo 0,2% del loro coefficiente di capitale chiave, a seconda di quale dei due sia inferiore. Ciò rende la BCE più aggressiva dei cani da guardia come la Bank of England.

Bini Smaghi di SocGen punta al Tough Dividend Cap della BCE

Alandsbanken, che ha dichiarato di non aspettarsi di ricevere aiuti dal governo in questa o nelle crisi future, propone un dividendo totale di 1 euro ($ 1,22) per azione per il 2019. Ciò equivale al 59% dell’utile per azione, quasi quattro volte il Linee guida della BCE.

La BCE controlla direttamente i maggiori istituti di credito della zona euro mentre le autorità di regolamentazione nazionali vigilano sulle banche più piccole. Alcune banche più piccole del blocco sono state autorizzate a pagare i dividendi, con il regolatore tedesco BaFin che afferma che consentirà i pagamenti se le banche hanno una sufficiente forza finanziaria.

– Con l’assistenza di Nicholas Comfort