Banche: rush finale di transazioni su deteriorati a fine 2020 (Mi.Fi.)

Fonte: MF Dow Jones (Italiano)

Rush finale di transazioni su crediti deteriorati a fine 2020, con oltre 10 miliardi di euro di crediti lordi passati di mano nei dieci giorni che hanno preceduto il Natale. Lo calcola BeBeez. 

Al 27 dicembre, scrive Milano Finanza, il valore complessivo dei portafogli ceduti sul mercato primario e secondario aveva raggiunto quota 39,3 miliardi di euro per 85 transazioni, ma a metà dicembre il totale era soltanto di 76 transazioni per 28,7 miliardi di euro lordi. Il recupero di attività non ha però permesso di raggiungere il record del 2019, anno in cui erano stati annunciati 82 deal per poco meno di 52 miliardi di euro. In ogni caso in arrivo nel 2021 ci sono operazioni per almeno altri 18 miliardi. A partire dallo scorso giugno, in particolare, si è assistito a una grande accelerazione dell’attività che si era bloccata a causa dell’emergenza Covid, tanto che a fine aprile si erano mappati soltanto 19 deal per 1,8 miliardi di euro. 

L’operazione più importante dell’anno è senza dubbio quella che ha avuto per protagonista Amco, che ha acquisito 8,1 miliardi di euro di Utp e Npl da Mps nell’ambito del progetto Hydra. Seconda in classifica è invece la cartolarizzazione condotta da Intesa Sanpaolo su un portafoglio di Npl da 6,033 miliardi di euro lordi, in un’operazione che prevede la richiesta della GACS per la tranche senior delle note asset backed emesse dal veicolo Yoda spv srl sulla base di un valore lordo di 4,3 miliardi e al prezzo netto di 1,2 miliardi di euro, in linea con il valore di carico. Il gruppo Intesa Sanpaolo, peraltro, è stato particolarmente attivo nelle ultime settimane dell’anno, visto che anche Ubi Banca ha concluso la cartolarizzazione con Gacs di un portafoglio di Npl corporate pmi da 1,23 miliardi di euro, mentre Intesa Sanpaolo Provi (società che gestisce i crediti e i beni rinvenienti da contratti di leasing finanziario del Gruppo Intesa Sanpaolo) ha a sua volta ceduto a Intrum Italy un portafoglio di Npl leasing da 91 milioni. Il tutto mentre a fine novembre il gruppo bancario aveva ceduto a Banca Ifis Npl consumer per un valore lordo di 553 milioni. Lo scorso novembre Bloomberg aveva riferito che il gruppo Intesa Sanpaolo, inclusa Ubi Banca, stava pianificando di cedere 12 miliardi di euro di crediti deteriorati lordi. Ora, quindi, una prima fetta di quel totale è già arrivata sul mercato e ne restano ancora circa 6,5 miliardi. 

red/lab 

MF-DJ NEWS 

0410:20 gen 2021 

(END) Dow Jones Newswires

January 04, 2021 04:22 ET (09:22 GMT)