JPMorgan afferma che Bitcoin potrebbe salire a $ 146.000 a lungo termine

Di 5 gennaio 2021, 04:40 CETAggiornato il 5 gennaio 2021, 11:33 CET Bloomberg.com

  • Gli strateghi dicono che l’asset digitale sta competendo con l’oro per i flussi
  • Riduzione della volatilità di Bitcoin necessaria per sbloccare il potenziale di prezzo

Secondo JPMorgan Chase & Co., Bitcoin ha il potenziale per raggiungere $ 146.000 a lungo termine poiché compete con l’oro come asset class.

La capitalizzazione di mercato di Bitcoin di circa $ 575 miliardi dovrebbe aumentare di 4,6 volte – per un prezzo teorico di $ 146.000 – per eguagliare l’investimento totale del settore privato in oro tramite fondi negoziati in borsa o lingotti e monete, hanno scritto gli strateghi guidati da Nikolaos Panigirtzoglou una nota. Ma quella prospettiva dipende dalla volatilità del Bitcoin che converge con quella dell’oro per incoraggiare maggiori investimenti istituzionali, un processo che richiederà del tempo, hanno detto.

“L’affollamento dell’oro come valuta ‘alternativa’ implica un grande rialzo per Bitcoin a lungo termine”, hanno scritto gli strateghi lunedì. Tuttavia, “è improbabile che una convergenza nelle volatilità tra Bitcoin e oro avvenga rapidamente ed è nella nostra mente un processo pluriennale. Ciò implica che l’obiettivo di prezzo teorico di Bitcoin di cui sopra – $ 146.000 dovrebbe essere considerato un obiettivo a lungo termine, e quindi un obiettivo di prezzo insostenibile per quest’anno “.

Il bitcoin è salito dell’1,7% a $ 31.567 alle 10:31 a Londra. Il più ampio indice Bloomberg Galaxy Crypto ha guadagnato lo 0,9%.

Lunedì, Bitcoin è scivolato fino al 17%, il calo più grande da marzo, dopo aver superato i $ 34.000 per la prima volta durante il fine settimana. Le oscillazioni ricordano la famosa volatilità della più grande criptovaluta, il cui prezzo è più che quadruplicato nell’ultimo anno.

Altre istituzioni e noti investitori, da Paul Tudor Jones a Scott Minerd e Stan Druckenmiller, hanno iniziato ad allocare fondi in Bitcoin o si sono dichiarati disponibili a farlo. Mentre alcuni sostengono che la criptovaluta offra una copertura contro la debolezza del dollaro e il rischio di inflazione in un mondo inondato di stimoli fiscali e monetari, altri affermano che gli investitori al dettaglio e i fondi quantistici che seguono le tendenze stanno pompando una bolla insostenibile.

Per ora, JPMorgan vede venti contrari per la più grande criptovaluta, con indicatori come un accumulo di posizioni lunghe speculative e un aumento dei portafogli di investimento che detengono piccole quantità di Bitcoin che mostrano potenziale schiuma.

“Lo scenario di valutazione e posizione è diventato molto più impegnativo per Bitcoin all’inizio del nuovo anno”, hanno scritto gli strateghi. “Anche se non possiamo escludere la possibilità che l’attuale mania speculativa si propaghi ulteriormente spingendo il prezzo del Bitcoin verso la regione di consenso compresa tra $ 50.000 e $ 100.000, riteniamo che tali livelli di prezzo si dimostrerebbero insostenibili”.