Stellantis: fondazione anti-scalata (MF)

Fonte: MF Dow Jones (Italiano)

Stellantis non è solo il nome della società nata dalla fusione fra Fiat-Chrysler e Peugeot, ma anche di una fondazione di diritto olandese che potrebbe bloccare tentativi di scalata ostile al quarto gruppo automobilistico al mondo. 

Stando a documenti consultati da MF-Milano Finanza, lo scorso 24 dicembre ad Amsterdam è stata costituita la Stichting Stellantis Svs che ha come amministratori due manager di Fca, Giorgio Fossati e Fabio Spirito. Come riportato anche nel prospetto di fusione, la fondazione Stellantis Svs disporrà di un diritto di opzione di durata illimitata che le consente di sottoscrivere le azioni a voto speciale di classe A presenti nel capitale sociale del gruppo. Lo statuto di Stellantis prevede infatti che i detentori di azioni Stellantis per un periodo ininterrotto di almeno tre anni possano ricevere un’azione a voto speciale in aggiunta a ciascuna azione ordinaria posseduta. Così, stimano gli analisti, Exor (14,4%), Maillot 1 della famiglia Peugeot (7,2% con possibilità di salire all’8,5%), Bpifrance (6,2%) e Dongfeng (5,6%) potrebbero presto controllare oltre la metà dei diritti di voto in Stellantis. Non è detto però che tanto basti a blindare il controllo ed è qui che entrerebbe in gioco la fondazione. In base alla bozza di statuto, infatti, il board di Stellantis potrà stabilire in dettaglio compiti e poteri della fondazione che potrebbe anche limitarsi ad assolvere un ruolo meramente tecnico.Secondo quanto riferito da fonti legali qualificate a questo giornale, tuttavia, lo strumento della stichting olandese è spesso adoperato dagli azionisti rilevanti per proteggere la società da scalate ostili di terzi o da iniziative di alcuni soci non condivise dagli altri. 

fch 

(END) Dow Jones Newswires

January 07, 2021 03:07 ET (08:07 GMT)