La rivolta di Trump non sarebbe mai accaduta a Xi Jinping

Insideparadeplatz.ch 8.1.21

Le pistole del carlino in Campidoglio testimoniano la fine dell’egemone statunitense. Chi subentrerà? Certamente non l’Europa.

È stata una rivolta? È stato un colpo di stato? Donald Trump, il “leader del mondo libero” ammirato da molti in Svizzera, forse ha persino dato il via a un colpo di stato?

Alcuni potrebbero chiamarlo un colpo di operetta, ma è più di questo.null

Chiunque abbia visto le foto dal Campidoglio degli Stati Uniti, dove le persone più primitive oziano sui seggi del parlamento, non può più dubitare che il modello di democrazia occidentale sia ancora una volta caduto molto in profondità.

Le pistole estratte lì erano dirette direttamente alla democrazia. Segno di sventura.

Trump, il modello del presidente Bolsonaro in Brasile, del presidente Johnson a Londra e di molti altri politici in Europa e negli Stati Uniti, ha ora apertamente mostrato la sua vera immagine, quella di un imperatore romano Nerone:

O io o la distruzione – di tutto.

Joe Biden, il suo successore in carica, si è presentato solo brevemente. Un vecchio signore traballante è stato visto invitare la sua gente a mantenere la calma. Poi è scomparso di nuovo dietro le quinte.

Questo è stato il secondo brutto segno in una sola lunga notte. I dittatori dell’Europa orientale e dell’Asia non prendono sul serio il liberalismo da molto tempo. Ora hanno tutte le ragioni per scommettere sulla caduta delle democrazie occidentali.

Xi Jinping questo non sarebbe mai successo.

È per questo che la Svizzera è la migliore, forse anche una delle ultime democrazie? Con noi, i rappresentanti del popolo siedono nel Consiglio federale e guidano i partiti.

Sono semplici, faranno sicuramente uno sforzo, volano in giro per il mondo pieni di buoni propositi. Ma è abbastanza?

Gli Stati Uniti sono gravemente scossi. Hai un nuovo presidente che non si è ancora insediato e che appare decrepito dall’inizio del suo mandato. Dietro di lui c’è l’ambizioso vicepresidente Kamala Harris. È solo un battito di cuore lontano dal potere.

E l’Europa con la sua UE?

La Germania ha guadagnato centinaia di miliardi di euro per salvare l’UE. Sta appena cominciando a salvare i tre Stati quasi in bancarotta Grecia, Italia e Spagna.

Nessuno crede che funzionerà. In Italia non c’è più una struttura politica, solo bande di rapinatori politici che usano prima le loro cricche elettorali e poi.

Il vecchio re spagnolo, che ora è in esilio, ha ampiamente dimostrato all’élite di Madrid come le cose una volta fossero una Spagna altamente culturale: prima un sacco di soldi, preferibilmente in Svizzera, poi le donne giuste. Quello che gli era rimasto era fuggire.

La Spagna ha pochissimi conservatori credibili, socialisti incompetenti e regioni ribelli che cercano la loro possibilità. Prenderanno i soldi dei tedeschi per sprecarli nella vastità del paese.

È un peccato, cara signora Villalon. Quanti spagnoli intelligenti, retti e laboriosi con saggezza mondana ci sono? Avrei augurato di meglio al Paese.

La Gran Bretagna, fuggita dall’UE all’inizio dell’anno, è ancora in declino. Ciò che Boris Johnson, questo chiacchierone giornalistico, ha promesso ai suoi connazionali si dissolverà come la nebbia mattutina su Londra.

Gli stessi conservatori si vedono già vincitori in Occidente. Come dimostrano le principali borse valori, non tremano nemmeno di fronte a questo sviluppo.

Joe Biden dovrà attirare centinaia di miliardi in più dal nulla per mantenere felici le persone ei super ricchi.

Le azioni finanziarie stanno esplodendo. Anche in Svizzera.

L’epidemia di corona, un attacco all’Occidente peggiore di Pearl Harbor, non è riuscita a unire i suoi governi e i suoi popoli.

Alcuni se l’aspettavano diversamente.

Se vogliamo salvare il mondo, il nostro nuovo presidente federale Guy Parmelin deve tenere alta la bandiera del paese e poi andare nel mondo con l’obiettivo di mostrare i veri valori della Svizzera.

Può fare questo o l’uno o l’altro consigliere federale? 

Fyodor Dostoyevsky, il grande scrittore russo che vedeva il suo paese come l’ultimo baluardo della vera Europa, ha messo in guardia contro la Svizzera come segue:

“La vita borghese in questa squallida repubblica si è sviluppata al punto da diventare nec plus ultra. Nel governo e in tutta la Svizzera ci sono solo partiti e un eterno battibecco, pauperismo, terribile mediocrità ovunque “.

Vorrei ringraziare René Scheu, il capo delle pagine di servizio della NZZ, per aver attirato la mia attenzione su questa citazione. Tuttavia, abbiamo superato il pauperismo, almeno guardando indietro al XX secolo.

Seriamente, i nostri team di leadership politica sono dannatamente deboli di fronte a sfide vecchie e nuove. “Prima l’America” ​​è probabilmente sepolta da tempo. “GB first” è stato a lungo una menzogna.

Tutto ciò che resta per noi è “La Svizzera per gli svizzeri”. Dopo James Schwarzenbach, Christoph Blocher, che è stato eletto fuori carica come Donald Trump, si è ritirato.

Il suo Diadochi, dopotutto, non ha mai preso d’assalto il Palazzo Federale. Sono stati votati dal popolo. Questa è la buona notizia.