Cattolica Ass.: Ivass; da Cda carenze in prudenza, a rischio solvibilita’

Fonte: MF Dow Jones (Italiano)

A seguito delle verifiche ispettive effettuate in Cattolica, l’Ivass “ha rilevato carenze, riferibili a situazioni relative soprattutto agli anni 2018/19 ed antecedenti, ed ai primi mesi del 2020, circa il sistema di governo societario e di gestione dei rischi”. 

Secondo l’Autorità, spiega una nota diffusa nella serata di ieri, “il Cda non ha improntato la propria azione circa i vari rischi a canoni di cautela e prudenza con conseguente pregiudizio potenziale per la solvibilità del Gruppo e la necessità di rafforzamento dei mezzi propri”. 

Più in particolare, l’Ivass ha rilevato che il board di Cattolica “ha trascurato di garantire la necessaria coerenza tra i rischi assunti dall’impresa e il suo fabbisogno di solvibilità globale e, per tale via, l’adeguatezza anche prospettica dei fondi propri”. 

Inoltre, ha mostrato una “insufficiente capacità di risposta all’evoluzione sfavorevole dello scenario. È risultata limitata la capacità dell’Organo di valutare compiutamente i profili di rischio/rendimento relativi a talune rilevanti decisioni di business aventi ad oggetto i canali di vendita. In particolare, è evidenziata l’operazione di bancassurance con Banco Bpm, sottoscritta nel 2018. Inoltre, Ivass ha rilevato che i risultati negativi di questa JV non sono stati dibattuti all’interno del Consiglio”. 

Inoltre, “il Cda è sostanzialmente venuto meno alle proprie prerogative di indirizzo, gestione e controllo – assumendo rilevanti decisioni senza il necessario vaglio critico – e spesso avallando passivamente processi decisionali non rispettosi del dovere di agire informati da parte dei consiglieri”. 

fch 

(END) Dow Jones Newswires

January 15, 2021 02:22 ET (07:22 GMT)