Bank of America registra un crollo dei profitti

Blick.ch 19.1.21

Le crescenti insolvenze sui prestiti e i bassi tassi di interesse negli Stati Uniti hanno colpito l’ufficio. Nella lotta contro la crisi, la Federal Reserve ha tagliato il tasso di interesse chiave quasi a zero.

A differenza di concorrenti come Goldman Sachs o JP Morgan, Bank of America dipende dal reddito da interessi da affari con clienti privati ​​e aziendali. Gli analisti si aspettavano un calo ancora più forte degli utili.

I guadagni della seconda banca statunitense per grandezza sono diminuiti lo scorso anno di un buon sei per cento a 85,5 miliardi di dollari. Particolarmente pronunciata è stata la flessione dell’attività con la clientela privata. Al contrario, le cose sono andate meglio in alcune parti dell’investment banking, come la compravendita di azioni. Una ripresa è stata particolarmente evidente nel quarto trimestre, ha detto il capo della banca Brian Moynihan. I consumatori hanno speso di nuovo più soldi, la domanda di credito aziendale è aumentata ei clienti hanno negoziato di più in borsa.

Nel 2020, l’istituto ha accantonato più di undici miliardi di dollari per imminenti inadempienze sui prestiti, circa il triplo rispetto all’anno precedente. Come altre società finanziarie, Bank of America ha sciolto parte degli accantonamenti per perdite su prestiti che aveva già effettuato nel quarto trimestre perché le prospettive economiche erano migliorate.

(SDA)