Il CEO di UBS Ralph Hamers: L’ufficio del pubblico ministero si sta avvicinando

Finews.ch 20.1.21

La causa olandese contro il CEO di UBS Ralph Hamers in relazione al riciclaggio di denaro presso la principale banca ING sta entrando nel prossimo round. Sta emergendo un processo difficile.

L’ufficio del pubblico ministero olandese sta affrontando nuovamente il caso di riciclaggio di denaro presso la principale banca ING e sta indagando specificamente sul ruolo dell’allora capo Ralph Hamers . L’agenzia di stampa “Reuters” ha riferito che il procedimentocontro l’attuale CEO di UBS, avviato loscorso anno da una corte d’appello dell’Aia, sta compiendo il passo successivo . 

Il pubblico ministero ha dichiarato che avrebbe implementato un ordine del tribunale per riaprire il caso di riciclaggio di denaro del 2018. “Attualmente stiamo regolando le questioni organizzative in relazione alla decisione del tribunale”, ha detto il pubblico ministero all’agenzia.

Chiara opinione della corte

ING ha risolto il caso nel 2018 con un autobus record di 775 milioni di euro. Hamers è stato assolto da ogni responsabilità nel caso e gli è stato permesso di rimanere CEO di ING. Pieter Lakeman , azionista attivista e capo di una fondazione di investimento, non vuole accettare questo accordo e lo scorso anno ha presentato una denuncia alla corte d’appello: il caso e il ruolo di Hamer devono essere valutati di nuovo.

Il risultato è stato uno shock per il manager di 53 anni e per il suo nuovo datore di lavoro, UBS. Nella sua sentenza, il tribunale ha espresso la chiara opinioneche Hamers fosse a conoscenza delle debolezze di conformità in ING e avesse ripetutamente ignorato gli avvertimenti interni e quelli delle autorità di regolamentazione.

Sta emergendo un processo lungo e difficile

Ora il pubblico ministero olandese sarà in formazione e indagherà su un’accusa. Non poteva fornire un programma, è stato detto, ma un’indagine potrebbe richiedere fino a 18 mesi. Solo dopo questa indagine è stato stabilito se verranno portate le accuse.

Lakeman ha recentemente dichiarato al “NZZ am Sonntag” (articolo a pagamento) di essere sicuro al 99 per cento che l’accusa sarebbe arrivata. Il procedimento nei Paesi Bassi potrebbe porre fine in anticipo all’impegno di Hamer come CEO di UBS.

Il Consiglio di amministrazione di UBS e il presidente Axel Weber hanno ripetutamente espresso la loro fiducia nell’ex capo di ING e UBS lo sosterrà legalmente al meglio delle sue capacità. Weber non ha voluto fare una previsione una settimana fa in un’intervista con l’agenzia di stampa “Bloomberg” se Hamers sarebbe rimasto CEO di UBS.