UniCredit restringe la ricerca del CEO mentre alcuni investitori spingono per Orcel

Di e 19 gennaio 2021, 18:00 CET bloomberg.com

  • Banca italiana concentrandosi su piccoli gruppi tra cui Gallia, Vivaldi
  • La banca potrebbe nominare il successore di Mustier prima dell’obiettivo del 10 febbraio

La corsa al successo dell’amministratore delegato di UniCredit SpA Jean Pierre Mustier sta accelerando, con la banca italiana che riduce la sua lista di candidati preferiti a soli tre o quattro dopo che nomi di alto profilo come Tidjane Thiam sono usciti dalla contesa.

La banca sta ora cercando di nominare un successore prima del suo obiettivo iniziale del 10 febbraio, secondo le persone a conoscenza della ricerca. Quelli ancora in lizza includono l’ex banca d’affari di UBS Group AG Andrea Orcel, il direttore generale di Fincantieri SpA Fabio Gallia e il co-Chief Operating Officer di UniCredit Carlo Vivaldi, hanno detto le persone, chiedendo di non essere nominato perché il processo non è pubblico.null

Orcel sta ricevendo sostegno da alcuni degli investitori istituzionali stranieri di UniCredit e da azionisti italiani, tra cui il fondatore di Luxottica Leonardo del Vecchio e la Fondazione CariVerona, hanno detto le persone. Citano il suo status di uno dei migliori banchieri europei e la sua comprensione della finanza internazionale,

Gli amministratori di UniCredit il mese scorso hanno incaricato la ricerca di un CEO con profilo internazionale e conoscenza dei mercati finanziari europei, nonché di attività bancarie commerciali, societarie e di investimento. Mustier, la cui partenza è stata annunciata a novembre, rimarrà in banca fino alla scadenza del suo contratto ad aprile o fino a quando non verrà trovato un sostituto.

Il Consiglio di UniCredit stabilisce i requisiti per la sostituzione di Mustier

Nonostante il sostegno degli investitori, una nomina di Orcel potrebbe dover affrontare una serie di ostacoli. Attualmente sta citando in giudizio Banco Santander SA per circa 100 milioni di euro (122 milioni di dollari), dopo che la banca spagnola ha rinunciato ad assumerlo lo scorso anno. È stato anche l’architetto della travagliata acquisizione di Antonveneta da parte della Banca Monte dei Paschi di Siena SpA nel 2007.

Weber di UBS chiamato a testimoniare nella causa Santander di Orcel

Gallia ha trascorso la maggior parte della sua carriera a Roma, coltivando rapporti con il ministero delle Finanze e società di proprietà statale, e questo potrebbe aiutarlo a navigare nel panorama politico italiano attraverso una potenziale fusione con Monte Paschi di proprietà statale, hanno detto le persone. Tuttavia, il suo profilo è poco conosciuto fuori dall’Italia e non ha esperienza nella gestione di un’azienda internazionale come UniCredit.

L’unico candidato interno in esame è Carlo Vivaldi, che ha iniziato la sua carriera nel 1991 presso una delle banche fuse in UniCredit nel 1998. Ha ricoperto una vasta gamma di ruoli in Italia, Turchia, Austria ed Europa dell’Est.

Secondo alcune persone, due dirigenti precedentemente visti come front runner , Diego De Giorgi, ex capo dell’investment banking globale presso Bank of America Merrill Lynch, e il CFO di Nexi SpA Bernardo Mingrone, sono fuori dai giochi, secondo alcune persone.

Thiam, l’ex CEO di Credit Suisse Group AG che è stato contattato da UniCredit, ha detto a Bloomberg di non essere interessato al lavoro. Il dirigente sta attualmente lavorando alla creazione di una società di acquisizione per scopi speciali con l’aiuto di JPMorgan Chase & Co.

La situazione è ancora fluida e una persona non menzionata finora può ancora entrare a far parte della lista dei candidati finali, ha detto la gente.

– Con l’assistenza di Ambereen Choudhury, Steven Arons e Tommaso Ebhardt