Il buon risultato di UBS non mostra tutta la verità

Ralph Hamers ha grandi progetti per la grande banca. Vuole trasformarli da portaerei in una rete di motoscafi. Non sarà possibile farlo dall’oggi al domani.

Ermes Gallarotti26 gennaio 2021, ore 16.36 nzz.ch

L’inizio ha avuto successo. Ralph Hamers, al timone di UBS dall’inizio di novembre, può vantare un anno finanziario di grande successo, anche grazie al buon lavoro preparatorio del suo predecessore Sergio Ermotti. Poiché il reddito è aumentato in modo sproporzionato rispetto ai costi solo leggermente aumentati, il risultato finale è stato un profitto annuale di 6,6 miliardi di dollari superiore della metà. La banca, che ha ricevuto decine di miliardi di nuovi soldi, ha raggiunto o superato tutti i suoi obiettivi finanziari per il 2020. Tutto fantastico?

Solo a prima vista. Da un lato, il miglior risultato in un decennio non dovrebbe nascondere il fatto che il 2020 è stato un anno straordinario. Corona ha garantito mercati volatili e ha spinto i clienti a riallocare i propri conti e depositi, con effetti positivi sui flussi di reddito della banca. D’altra parte, il buon risultato maschera problemi strutturali che porteranno molto lavoro ad Hamers: i margini sono sotto pressione in tutte le aree di business, soprattutto perché i guadagni si stanno erodendo. In anni normali, questo vale per il retail banking e per l’attività di gestione patrimoniale.

La soluzione di Hamers si chiama scala, che può essere tradotta al meglio come dimensione. Se ha la sua strada, in futuro dovrebbero essere promosse solo le aree di business che possono essere standardizzate, automatizzate e quindi anche digitalizzate. Ciò dovrebbe consentire alla banca di crescere in nuove dimensioni nelle sue attività principali e di trarre vantaggio dalle economie di scala. Se ciò non è organicamente possibile, secondo Hamers si possono prendere in considerazione anche acquisizioni. In particolare, ciò significa, ad esempio, che le sedi onshore vengono controllate nell’attività di asset management principale e che l’attività transfrontaliera più scalabile gestita dalla Svizzera tenderà ad acquisire importanza.

Ciò rende chiaro: Hamers vuole trasformare la portaerei UBS organizzata gerarchicamente in una rete di motoscafi agili e manovrabili. Ciò non sarà possibile dall’oggi al domani, se non del tutto.