Orcel, disposto a ridurre la causa contro Santander del 50% per essere il primo dirigente di UniCreditIl banchiere italiano chiede 112 milioni all’ente spagnolo per i danni causati dal rigetto della firma dopo averla annunciata

ÍÑIGO DE BARRÓNMadrid – 27 GENNAIO 2021 – 14:27 elpais.com

 Andrea Orcel, Ana Botín e José Antonio Álvarez posano quando hanno annunciato la firma dell'ex UBS.

Andrea Orcel, Ana Botín e José Antonio Álvarez posano quando hanno annunciato la firma dell’ex UBS. 

Il banchiere italiano Andrea Orcel è disponibile a negoziare un accordo con Santander per ritirare la causa che sostiene in tribunale e poter così essere amministratore delegato di UniCredit, una delle più grandi banche in Italia, con questo caso chiuso.

Orcel, secondo fonti che hanno familiarità con l’operazione, citate da Reuters, è disposto a ridurre la sua richiesta di risarcimento danni subito quando Santander ha rinunciato alla sua firma dopo aver firmato i pre-contratti e averlo annunciato pubblicamente. La causa chiede un risarcimento di 112 milioni di euro, importo che potrebbe essere abbassato a circa 60 milioni di euro, secondo le fonti citate.

Le fonti di Santander non hanno commentato queste informazioni. Tuttavia, le fonti legali consultate, che richiedono l’anonimato, ritengono che se UniCredit intende firmare Orcel, deve prima chiudere la causa con Santander.Costretto a negoziareInoltre, ritengono che il banchiere italiano perderà forza nella sua causa, poiché ha sostenuto che il rifiuto di Santander ha danneggiato la sua reputazione e gli ha reso difficile trovare un lavoro di livello simile a quello che aveva: era a capo degli investimenti operazioni bancarie presso UBS – prima dei negoziati con Ana Botín, presidente di Santander. Chiede anche uno stipendio in sospeso da UBS a Santander, che ora potrebbe richiedere a UniCredit, indicano le fonti citate.Secondo Reuters, infatti, Orcel è obbligato a cercare un accordo con Santander. “Se Orcel fosse nominato direttore esecutivo di Unicredit, la parte della causa che richiede il rispetto del contratto dovrebbe essere ritirata”, ha detto una fonte a conoscenza della questione, aggiungendo che tutto è rimasto aperto.

Secondo due fonti, mercoledì il consiglio di UniCredit nominerà Andrea Orcel nuovo amministratore delegato della banca, aprendo la strada alla sua nomina ad aprile. Fonti vicine a Orcel non hanno commentato le informazioni, ma hanno detto che Orcel continuerà a sostenere nel processo, previsto per il 10 marzo, che la lettera di offerta redatta da Santander nel settembre 2018 era legalmente vincolante come contratto.