Cosa penso dei bitcoin? Niente!Se volevo giocare, andavo al casinò.


Claude Chatelain blick.ch 31.1.21

Conosci Evelyn Burdecki? È una di quelle donne che, secondo l’emittente televisiva tedesca RTL, possono definirsi la regina della giungla. Questo titolo viene assegnato a chiunque ingoi tutti i tipi di animali nello spettacolo RTL nella giungla australiana, cerca le stelle nelle gabbie dei serpenti e quindi riceve la massima approvazione dagli spettatori. Solo raramente la persona più coraggiosa viene scelta come regina o re, ma piuttosto coloro che si comportano in modo particolarmente stupido e diventano le risate della nazione tedesca, come Evelyn Burdecki.

Così ora «Der Aktionär» ha twittato che Evelyn Burdecki aveva comprato bitcoin. Non so se la più grande rivista tedesca del mercato azionario volesse combinare queste ultime notizie con una raccomandazione di acquisto. “Se le aspiranti celebrità fornissero consigli sugli investimenti, venderei i miei Bitcoin molto rapidamente”, ha twittato un follower. “Ahi”, ha scritto un altro, “quando queste D-celebrità salgono a bordo, la bolla non è lontana”.

Sono felice di riprendere l’argomento perché i Bitcoin sono attualmente nuovamente discussi a causa dei loro salti di prezzo e mi viene chiesto ripetutamente cosa ne penso. La risposta è subito detta: niente. Non perché non potresti arricchirti con le criptovalute, ma perché il trading in criptovalute non ha nulla a che fare con un investimento finanziario, ma solo con la speculazione.

Abbiamo un’offerta esistente e una domanda crescente di bitcoin. Quando la domanda è maggiore dell’offerta, il prezzo aumenta. È così semplice: nessuno può prevedere se la domanda continuerà a crescere. Se una svendita farà precipitare il prezzo.

Ci sono infatti esperti che considerano i bitcoin una seria asset class. Ha avuto origine nel terreno fertile della crisi finanziaria del 2008, quando le banche centrali di tutto il mondo hanno iniziato a inondare i mercati di denaro al limite del diavolo. È comprensibile che ciò porti a una perdita di fiducia nelle valute e in tutto ciò che è associato a esse.

I bitcoin erano anche un argomento una settimana fa nel programma “Bilanz Standpunkte” della televisione svizzera. Il capo economista di UBS Daniel Kalt sottolinea che oltre ai Bitcoin, ci sono oltre 4.000 altre criptovalute in circolazione. “Nessuno mi garantisce”, ha detto nel programma, “che a un certo punto un’altra criptovaluta con proprietà diverse, forse con diversi standard ambientali, potrebbe sostituire i Bitcoin”.

Chissà, forse le famose valute digitali un giorno scompariranno completamente dal suolo, come ha recentemente ipotizzato UBS in una lettera agli investitori. Non mi piace speculare su questo da solo. Non mi interessa. Se voglio giocare, preferisco andare al casinò.