Lvmh: Frederic Arnault, la mia sfida per Tag Heuer (MFF)

Fonte: MF Dow Jones (Italiano)

“L’e-commerce in questi mesi è cresciuto a tripla cifra per Tag Heuer. Oltre il 350% ma i dati sono in continuo aggiornamento”. 

Dimostra subito di amare i numeri, Frederic Arnault, laureato in matematica all’Ecole polytechnique di Parigi. Ventisei anni, un cognome importante (è tra i figli più giovani di Bernard Arnault, fondatore del gruppo Lvmh,) e un percorso formativo impeccabile, con esperienze in McKinsey e Facebook e dallo scorso luglio Ceo di Tag Heuer, parte del gruppo Lvmh. 

“Non posso negare di essere giovane, ma rientro in linea con i leader storici del marchio. Edouard Heuer aveva solo 20 anni quando fondò la maison nel 1860. I suoi discendenti avevano tutti tra i 20 ei 28 anni quando hanno preso le redini”. Arnault parla con MFF via Zoom dall’headquarter di Parigi in occasione della nuova partnership con Porsche, che include progetti in ambito sportivo per rafforzare la brand integration. Nel corso dell’intervista il manager parla della sua visione del mercato post coronavirus, del rapporto tra brand e tecnologia e anche della sua visione della moda: “un business con cicli molto veloci, nel quale la sfida è anticipare i trend”. Prima di diventare Ceo, Frederic Arnault ha creato una start-up di pagamenti digitali, Lyf Pay, con due colleghi di università, e nel 2017 è entrato in Tag Heuer per lavorare allo sviluppo tech e allo smartwatch per un brand con 160 anni di storia. E a proposito di heritage, a chi gli chiede come si senta a portare il cognome Arnault, risponde: “In Francia, l’essere erede ha una connotazione negativa. La domanda è: Cosa ne faremo di questa eredità e che visione ne abbiamo? In famiglia il valore imprenditoriale è sempre stato estremamente sviluppato. Il gruppo Lvmh è ancora giovane, ha solo 30 anni. Siamo solo all’inizio dell’avventura”. 

Lei è diventato Ceo in piena pandemia. Qual è stata la sfida più difficile? 

Abbiamo iniziato a proteggere le persone e adottare misure per limitare i danni, ma anche per cambiare le cose. Oggi speriamo che il vaccino aiuti a sistemare la situazione. Ma ci sono cose che dobbiamo cambiare nel nostro sviluppo. 

Cosa rappresenta la collaborazione con Porsche? 

L’industria degli orologi è probabilmente più vicina all’automotive che a alla moda. È un’industria di icone, che ragiona su periodi ampi, in termini di decenni. Con Porsche vorrei costruire una partnership a lungo termine. 

Potrebbero nascere delle co-lab con dei brand di moda del gruppo Lvmh? 

Stiamo cercando co-lab forti e inaspettate. Non abbiamo nessun’altra partnership forte come questa con Porsche. Credo sia soprattutto il momento di mantenere i valori del nostro marchio, ma adattarli ai nostri tempi. Farci conoscere e amare dalle nuove generazioni. Per questo sto insistendo sul digitale e sulla sostenibilità. 

Che visione ha della moda? 

Nell’industria della moda i cicli sono molto più brevi, nel quale la sfida è anticipare i trend. È molto complesso trovare una tendenza e anticiparla. 

C’è un rapporto diverso con la creatività? 

Il mondo dell’orologeria ha tempi più lunghi. Con approcci alla creatività molto diversi. Negli orologi e nelle auto si parte da una coerenza pianificata in costruzione. Sono industrie diverse che lavorano in modo diverso. 

Cosa ama del mondo del lusso, rispetto alla sua esperienza in Facebook? 

Ciò che mi ha attratto è stata la prospettiva di lavorare su un prodotto completo e complesso. Rispetto al digitale, c’è davvero un’emozione nel lavorare su un prodotto fisico. Ci sono enormi potenzialità e le sfide sono davvero stimolanti. 

Come sarà il “new normal”? 

Socialmente, penso che le persone si renderanno conto che le relazioni con gli altri sono importanti. Saranno più consapevoli della vita, della sostenibilità e della protezione dell’ambiente. In secondo luogo, tutte le tendenze che abbiamo visto in passato: digitalizzazione, commercio online e tutto il resto, c’erano già prima del coronavirus, ma il Covid è stato un enorme acceleratore. 

red/lde 

fine 

MF-DJ NEWS 

1208:56 feb 2021 

(END) Dow Jones Newswires

February 12, 2021 02:58 ET (07:58 GMT)