Telecom Italia è pronta a pagare $ 1,2 miliardi per sostenere l’affare DAZN Soccer

Di 22 febbraio 2021, 14:40 CET Bloomberg.com

  • Il vettore ha un ruolo nella distribuzione di Serie A, piano tecnologico con DAZN
  • Il massimo campionato italiano ha bisogno di contanti dopo anni di investimenti insufficienti

Telecom Italia SpA , il più grande operatore di telefonia in Italia, è pronta per eseguire il DAZN Group Ltd. nel suo multi offerta miliardi di euro per i diritti di trasmissione ai top league di calcio del paese, secondo persone vicine alla vicenda e ad una lettera confidenziale visto da Bloomberg .

L’ex monopolio telefonico il mese scorso ha raggiunto un accordo con DAZN – soggetto a condizioni – su un possibile piano che fornirebbe distribuzione e supporto tecnologico oltre a un finanziamento di circa 1 miliardo di euro ($ 1,2 miliardi) per la sua offerta per trasmettere i prossimi tre stagioni del campionato italiano di Serie A, diceva la gente, chiedendo di non essere nominata perché le deliberazioni non sono pubbliche.

DAZN, una startup di streaming sostenuta dal miliardario Len Blavatnik, ha offerto alla Serie A 840 milioni di euro a stagione e Telecom Italia potrebbe sostenere tale offerta del 40%, fornendo circa 340 milioni di euro all’anno in un accordo di distribuzione di contenuti, hanno detto le persone. DAZN sta facendo offerte contro Sky di Comcast Corp.

Il business plan della società di streaming “include un importante accordo di distribuzione con un partner leader del settore e fornirà ulteriore supporto anche dal punto di vista finanziario”, ha scritto DAZN in una lettera riservata inviata alla Serie A l’8 febbraio. per affrontare le preoccupazioni sollevate da alcuni presidenti di squadre di calcio sulla forza di DAZN.

Anche se la lettera non menziona esplicitamente Telecom Italia, il vettore è il “principale partner di distribuzione” citato nel documento, hanno detto persone che hanno familiarità con la questione.

Pagamento annuale

La lettera DAZN afferma che il partner dell’azienda “si impegna al pagamento di un minimo annuale garantito pari a oltre il 40% dell’importo totale annuo dovuto alla Serie A.”

DAZN afferma anche nella lettera che i pagamenti del suo partner verranno inviati attraverso sei rate annuali dello stesso importo “versate su un conto bancario di deposito da utilizzare esclusivamente per i pagamenti alla Serie A.”

Per DAZN, un legame con un partner con capacità di finanziamento potrebbe essere un punto di svolta. La società di streaming ha perso quasi $ 2 miliardi lo scorso anno ed è stata in ritirata negli Stati Uniti e in America Latina. Dare priorità a Italia, Germania e Giappone potrebbe consentirle di crescere in mercati con minore concorrenza.

“DAZN si aggrappa alla Germania e all’Italia come mercati chiave e in entrambi sta cercando di ritagliarsi una posizione competitiva”, ha affermato Claire Enders, fondatrice del consulente multimediale Enders Analysis .null

Nessuna decisione definitiva è stata presa sul piano e Telecom Italia potrebbe ancora ritirare il suo sostegno, ha detto il popolo. I rappresentanti di Telecom Italia, DAZN e Serie A hanno tutti rifiutato di commentare.

Diretta streaming

Un passaggio di Telecom Italia al calcio aumenterebbe i servizi di live streaming in un paese che è ancora per lo più caratterizzato da media convenzionali come la televisione digitale terrestre, le trasmissioni over-the-air dominate da Mediaset SpA di Silvio Berlusconi e la programmazione satellitare, che è stata pioniera nel paese. di Sky.

La Serie A cerca nuove fonti di guadagno. Uno sforzo all’inizio di questo mese per vendere una quota di 2 miliardi di dollari a un gruppo di investitori si è bloccato dopo che il consiglio della lega non è riuscito a dare seguito all’accordo, hanno detto persone che hanno familiarità con la questione, sollevando preoccupazioni che l’accordo potrebbe alla fine fallire.

Il campionato italiano, che vede protagonisti giocatori come Cristiano Ronaldo e Zlatan Ibrahimovic, ha bisogno di un’iniezione di denaro dopo decenni di investimenti insufficienti. Le finanze sono state ulteriormente colpite dalla pandemia, poiché le partite sono state giocate in stadi vuoti o quasi vuoti e le entrate delle trasmissioni sono diminuite.

– Con l’assistenza di David Hellier