Andrea Orcel: Corona irrompe nella resa dei conti-Il processo da 112 milioni di euro tra Andrea Orcel e la banca spagnola Santander a Madrid è stato sorprendentemente rinviato. L’ex banchiere UBS sta finendo il tempo per chiedere bonus fugaci.

Finews.ch 10.3.22

Andrea Orcel

Andrea Orcel

Il processo da 112 milioni di euro tra Andrea Orcel e la banca spagnola Santander a Madrid è stato sorprendentemente rinviato. L’ex banchiere UBS sta finendo il tempo per chiedere bonus fugaci.null

Ora non c’è (ancora) la grande resa dei conti a Madrid. Poiché il giudice responsabile è dovuto sorprendentemente entrare in quarantena Covid, il processo in programma mercoledì (oggi) è stato rinviato al 7 aprile, come riportato dall’agenzia Reuters . Nella capitale spagnola si sarebbero affrontati Andrea Orcel e la grande banca Santander.

La posta in gioco è colossale. Orcel, che ha lasciato UBS come capo di Investmenbank fino al 2018, ha citato in giudizio Santander per 112 milioni di euro. Questo dopo che la banca si è separata unilateralmente da lui prima che potesse assumere il suo lavoro come nuovo CEO nel 2019. La questione principale nel processo di Madrid è se fosse già in vigore un contratto di lavoro (dice Orcel) o solo un accordo non vincolante (la posizione di Santander sotto la presidente Ana Botin ).

Nuovo ufficio ad aprile

UBS, a sua volta, detiene ancora bonus bloccati di oltre 50 milioni di franchi, che Orcel perde secondo le regole applicabili se accetta il suo lavoro presso un concorrente della principale banca svizzera. Si dice che una volta Santander abbia promesso a Orcel di risarcirlo con 35 milioni di euro per i bonus persi all’inizio.

Ora si sta manifestando un nuovo posto di testa per il nativo italiano. Dopo che il precedente amministratore delegato Jean Pierre Mustier ha lasciato la banca italiana Unicredit lo scorso febbraio in una controversia, l’ex banchiere UBS è stato designato all’unanimità suo successore dal consiglio di amministrazione Anche l’inaugurazione ufficiale è ad aprile, il che significa che i tempi per il processo in Spagna saranno stretti.

“Lascia perdere”

Questo non è l’unico motivo per cui le richieste di denaro di Orcel stanno diventando sempre più fugaci. È chiaro che Santander è fortemente riluttante a pagare i 112 milioni di euro. Anche il presidente di UBS Axel Weber,che deve comparire come testimone nel processo, ha fatto un commento memorabile sull’argomento. “Lascia perdere” – lascia la banca e perderai i tuoi bonus, ha spiegato al suo ex manager lo scorso gennaio. 

Nel frattempo, in vista dei nuovi diplomi di amministratore delegato di Unicredit, si pone la questione se per Orcel possa essere opportuna una controversia legale accattivante sui bonus. Se l’italiano lo desidera, potrebbe raggiungere un accordo extragiudiziale con Santander in qualsiasi momento. Da parte sua, la principale banca italiana ha chiarito che non risarcirà il capo designato per i bonus persi. Sebbene il futuro stipendio di Orcel presso Unicredit non sia stato determinato, è probabile che sia significativamente inferiore a quello di UBS.

La resa non è possibile

È questo il motivo segreto per cui il banchiere di investimento insiste sui 112 milioni di euro? Oltre alla prospettiva di guadagnare meno in futuro, Orcel ha probabilmente altri motivi molto personali per affrontare il processo a Santander. La posizione di CEO presso la principale banca spagnola, un posto di primo piano nel settore bancario europeo, gli è stata strappata con un’azione senza precedenti. Questo dopo che Orcel aveva già trovato una scuola per sua figlia a Madrid e stava per acquistare una villa lì.

Piccolo da ammettere, questo non si adatta a un uomo che a volte chiedeva l’ultimo dei suoi subordinati: questo è ciò su cui potrebbero riferire i banchieri di investimento UBS, che Orcel una volta mandò al campo nel deserto per irrigidirsi .