Il principale regolatore medico europeo approva il Jab COVID di Johnson & Johnson – finora negli Stati Uniti sono state somministrate quasi 500.000 dosi.

Zerohedge 11.3.21

Mentre più di una mezza dozzina di nazioni europee interrompe la distribuzione dei jab AstraZeneca-COVIDper preoccupazioni su coaguli di sangue potenzialmente gravi, il principale regolatore medico europeo a Bruxelles ha appena dato il via libera al jab COVID di Johnson & Johnson.

Il jab JNJ, che è destinato a diventare il primo jab a colpo singolo ad essere approvato nel continente, ha ricevuto giovedì il via libera dall’Agenzia europea per i medicinali con sede ad Amsterdam – il principale regolatore farmaceutico di Bruxelles e controparte europea della FDA – giovedì. Si prevede che la Commissione europea – che ha l’ultima parola sull’approvazione – concorderà e pronuncerà la sua benedizione giovedì più tardi.

I membri del gruppo che ha esaminato il jab hanno detto che avrebbero raccomandato l’approvazione del vaccino per il trattamento di tutti gli adulti di età superiore ai 18 anni seguendo quella che l’organizzazione ha descritto come una “valutazione approfondita”. Non sorprende che i dati di J&J abbiano rilevato che il vaccino soddisfaceva i criteri di efficacia, sicurezza e qualità.

In una dichiarazione, l’EMA ha affermato che il jab di JNJ è efficace al 67% nel prevenire i sintomi, il che è in linea con le cifre propagandate dalla società e dagli Stati Uniti (come i suoi rivali, JNJ ha testato il suo jab con prove accelerate in doppio cieco multifase).

A dire il vero, non è chiaro quanto velocemente l’UE sarà in grado di lanciare il vaccino JNJ. L’UE ha già ordinato 200 milioni di dosi del colpo (in attesa di approvazione) con un’opzione per altri 200 milioni. Ma anche se il rivale Merck aumenta la produzione del jab JNJ, gli europei potrebbero essere in attesa dopo che il presidente Joe Biden e la sua amministrazione hanno ordinato ieri altre dosi da 100 milioni per gli Stati Uniti.

Inoltre, Reuters ha riferito che JNJ ha informato i funzionari europei che sta affrontando problemi di fornitura che potrebbero rallentare le consegne.

Un anonimo funzionario dell’UE ha detto a Reuters che Johnson & Johnson ha detto all’UE che sta affrontando problemi di approvvigionamento che potrebbero complicare i piani per fornire 55 milioni di dosi del suo vaccino al blocco nel secondo trimestre dell’anno. La CNBC ha contattato J&J per ulteriori commenti sul rapporto e deve ancora ricevere una risposta.

[…]

Un ulteriore ritardo nella fornitura di vaccini esacerberebbe il già letargico lancio della vaccinazione dell’UE, che ha lottato a causa di un processo di ordinazione più lento rispetto a Regno Unito e Stati Uniti, consegne più lente, burocrazia ed esitazione sui vaccini.

La FDA ha approvato ufficialmente il vaccino JNJ per l’uso la scorsa settimana e, secondo i dati del CDC, finora negli Stati Uniti sono state somministrate quasi 500.000 dosi.