Risparmio: Conti correnti, è svolta (Mi.Fi.)

Fonte: MF Dow Jones (Italiano)

Siamo davvero prossimi a vedere una quantità di conti correnti molto liquidi finire senza dimora? La domanda sembra aver preso piede tra vari operatori dopo la stretta operata da FinecoBank, riportata da MF-Milano Finanza il 19 marzo. 

L’istituto guidato dall’amministratore delegato e direttore generale Alessandro Foti ha infatti avvisato i propri clienti che, a partire dal prossimo 18 maggio, si avvarrà del diritto di rescindere il rapporto di conto corrente qualora al momento del recesso e nei tre mesi precedenti si verifichino tre condizioni: presenza sul conto di un importo uguale o superiore a 100 mila euro, assenza di qualsiasi forma di finanziamento e assenza di investimento in prodotti di risparmio gestito o amministrato. 

Alla base di tale stretta vi è certamente l’eccessivo costo derivante dai bassi tassi di interesse interbancari come l’Euribor. Ma c’è dell’altro, perché pare che all’interno della banca la decisione venga vista anche come un modo per ridurre la pressione sul leverage ratio, tenuto d’occhio alla luce dell’alto tasso di crescita, con il tentativo di spostare la liquidità in business off-balance sheet, fuori dal conto economico. E se una tale scelta va certamente analizzata alla luce del singolo business model, tuttavia è interessante notare come quella di Fineco non sembri essere un unicum nel panorama italiano. Tanto che, secondo quanto appreso da MF-Milano Finanza, anche Banca Popolare di Bari sarebbe in proncinto di inviare ai propri correntisti la stessa informativa. Ma, come spiega l’avvocato Alessandro Engst, partner Dentons a capo dell’area financial services, «la stretta su conti correnti troppo liquidi potrebbe aver senso, alla luce di una condizione di tassi come quella attuale, per una banca che ha un business model specifico, ma non credo sia necessariamente un evento che si potrà allargare in maniera generalizzata. Ritengo sia poco probabile che le grandi banche con un approccio più tradizionale adottino la stessa strategia». 

fch 

(END) Dow Jones Newswires

March 22, 2021 03:22 ET (07:22 GMT)