Caso Greensill: giocatori di reverse factoring sulla difensiva

I professionisti del settore temono che l’affare Greensill spingerà le autorità a prestare maggiore attenzione a questa modalità di finanziamento. Di fronte alle derive del fintech, gli specialisti francesi difendono il loro modello.

Il reverse factoring è una modalità alternativa di finanziamento attraverso la quale un preponente si rivolge ad un attore finanziario per saldare le fatture dei propri fornitori, a fronte di una commissione, per ottenere una maggiore flessibilità dei flussi di cassa.
Il reverse factoring è una modalità alternativa di finanziamento attraverso la quale un preponente si rivolge ad un attore finanziario per saldare le fatture dei propri fornitori, a fronte di una commissione, per ottenere una maggiore flessibilità dei flussi di cassa. (Markus Hibbeler / Bloomberg)

Di Gabriel NedelecPubblicato il 31 marzo 2021 alle 16:45Aggiornato il 31 marzo 2021 alle 17:15 Les Echos.fr

Il crollo del castello di carte di Greensill Capital ha frenato l’industria del factoring inverso. ” Questa vicenda non dovrebbe gettare vergogna su tutti i giocatori  ” , preoccupa un professionista.

Quest’ultimo, come altri, teme che la morsa normativa si stia stringendo su una pratica che potrebbe rivelarsi molto utile per il finanziamento delle imprese dopo la crisi, affermano i suoi sostenitori.