Banche / Derivati: armi e difesaL’affare Archegos punta i riflettori sulla regolamentazione e la vigilanza bancaria.

Doppio (Credit_Suisse_Group_Ag-Reg)
Doppio (Credit_Suisse_Group_Ag-Reg)

Di Les EchosPubblicato il 5 aprile 2021, 16:18Aggiornato il 5 aprile 2021, 16:32

Quando Warren Buffett nel 2002 hadenunciato i prodotti derivati come “armi di distruzione di massa”, stava effettivamente analizzando i pericoli degli “swap a rendimento totale”. Questi contratti finanziari consentono ai clienti delle banche di ottenere un’esposizione alla performance di un titolo senza possederlo. Poiché la crisi dei mutui subprime ha poi provocato l’aumento delle obbligazioni di capitale, questo rischio sembrava sotto controllo allo scoppio della vicenda Archegos. E la buona resistenza dell’indice bancario mostra che i mercati non temono il contagio sistemico dalle battute d’arresto del Credit Suisse. Tanto meglio, ma questo operatore europeo da tempo stabilito a Wall Street avrebbe comunque perso fino a un decimo del suo capitale proprio su questo singolo cliente. Non solo la “finitura svizzera” della regolamentazione svizzera non è riuscita a brillare, ma l’esperienza americana non ha impedito l ‘”arbitraggio regolamentare”. Alcuni fondi speculativi dovevano solo chiudersi a terzi per poter entrare nella casella del “family office” e correre maggiori rischi. Le banche sono state in grado di contabilizzare questi derivati come prestiti meno rischiosi a causa dei titoli come garanzia. E ci sono voluti più di dieci anni dopo il Dodd-Frank Act perché l’obbligo imposto alle società di intermediazione di conoscere meglio le loro controparti entrasse in vigore. La gestione interna del rischio rimane la migliore difesa per gli azionisti.