Il boom della SPAC ribalta le classifiche della Wall Street League, facendo scintille per il miglior trimestre dal 1980

Zerohedge.com 5.4.21

Proprio mentre un esercito di analisti del mercato dei capitali sell-side sta aumentando le loro stime di fine anno per SPX (ora a nord di 4k) mentre ci avviciniamo ad aprile, storicamente il mese più rialzista , le banche di investimento come Goldman stanno già iniziando a rivedere le loro proiezioni per la frenesia del boom della SPAC (che ha visto aumentare somme sconcertanti su poco più che proiezioni a tempo di record).

Grazie al boom (che ha emiserated costretti a casa gli analisti IBD alla Goldman mentre chagrining la SEC (che è riferito grigliare le banche sui loro affare-tattiche di marketing , mentre avvertimento agli investitori individuali di procedere con cautela ) attività dealmaking globale ha avuto il suo inizio più forte a un anno di 4 decenni .

Secondo i dati di Refinitiv, durante i primi tre mesi dal 2021 al 30 marzo sono stati conclusi accordi per un valore di $ 1,3 trilioni. Questo è il numero più alto, secondo il conteggio di Refinitiv, almeno dal 1980 , superando persino i livelli inebrianti visti durante il boom delle dotcom. Poiché le valutazioni su tutto, dalle azioni alle carte collezionabili e alle NFT sono salite alle stelle nell’ultimo anno, la negoziazione ha visto un rimbalzo comparabile dai primi giorni di marzo 2020, quando il volume è improvvisamente precipitato, secondo il FT.

Gli Stati Uniti, in gran parte visti come l’epicentro del boom della SPAC, sebbene la tendenza sia esplosa a livello globale poiché le aziende cercano prospettive forti nei settori e nelle zone geografiche, hanno generato la quota maggiore del volume degli accordi, che è aumentato del 160% nel Q12021 rispetto al Q12020.

Secondo Goldman, ci sono tre ragioni per cui il 2020 è stato l’anno della SPAC:

  1. Gli sponsor della SPAC hanno spostato la loro attenzione dal Valore alla Crescita sia in termini di acquisizioni completate che di nuova raccolta di capitali . Tra il 2010 e il 2019, il 53% delle acquisizioni di SPAC ha riguardato i settori Industriale, Finanziario ed Energia, mentre il 33% era in Info Tech e Sanità. Al contrario, il 68% delle de-SPAC completate nel 2020 riguardava isettori in rapida crescita Info Tech, Beni di consumo discrezionali e Assistenza sanitaria (principalmente in BioPharma ) mentre solo il 24% era nei settori Industriale, Finanziario ed Energia. Gli investitori sono fermamente in una mentalità di crescita e gli sponsor della SPAC che mirano agli acquisti nei settori in crescita hanno avuto successo nella raccolta di capitali. Il 53% delle IPO SPAC del 2020 è alla ricerca di fusioni nel settore tecnologico, dei beni di consumo discrezionali o dell’assistenza sanitaria.
  2. L’accelerazione dell’attività di negoziazione al dettaglio ha aumentato l’appetito degli investitori per le attività non tradizionali e in fase iniziale . Le SPAC offrono un percorso alternativo ai mercati pubblici per le aziende, comprese quelle in fase iniziale o in attività prive di molti comparabili quotati in borsa come la tecnologia verde, le scommesse sportive o la cannabis. I blocchi associati alla pandemia hanno provocato un’impennata nel commercio al dettaglio e nella domanda di azioni altamente volatili in aziende con prospettive di iper-crescita percepite. Le prove aneddotiche di forti scambi al dettaglio hanno coinciso con gli acquisti de-SPAC di veicoli elettrici e società di scommesse sportive (ad esempio FSR, DKNG).
  3. Le SPAC hanno un basso costo opportunità per gli investitori quando i tassi ufficiali sono prossimi allo zero . La liquidità rende quasi nulla e sotto il regime di inflazione media (AIT) della Fed, un aumento è improbabile durante i prossimi tre anni (la Fed sarà probabilmente in attesa fino al 2024). Gli investitori in una SPAC ricevono un rendimento de minimis in attesa che lo sponsor identifichi un potenziale target e quindi hanno un’opzione put per riscattare le loro azioni se non gradiscono la potenziale acquisizione. Naturalmente, c’è un costo opportunità di non possedere azioni dato il rendimento del 16% da inizio anno dell’S & P 500 e la nostra previsione di un rendimento del 16% l’anno prossimo. Ma le SPAC possono essere un sostituto del denaro quando i fondi federali sono al limite inferiore. L’attenzione alle industrie in crescita significa anche che le SPAC sono asset di lunga durata che beneficiano di bassi tassi di interesse a lungo termine.

Come previsto da Goldman’s Kostin lo scorso anno, l’attività di negoziazione della SPAC ha subito un’accelerazione, con le SPAC raccolte per oltre 100 miliardi di dollari nei primi tre mesi dell’anno, equivalenti a più di 2/3 del denaro raccolto in tutte le quotazioni statunitensi, secondo Bloomberg.

“La ripresa di un anno fa è più drammatica di qualsiasi altra cosa che abbiamo mai visto nella ripresa delle fusioni e acquisizioni , punto”, ha affermato Cary Kochman, co-responsabile delle fusioni e acquisizioni globali di Citi. “È solo senza precedenti.”

Con i rendimenti del Tesoro che continuano a crescere costantemente, con la soglia del 2% – il livello al quale JPM e altri credono che il mercato azionario potrebbe resistere e prendere atto – che incombe all’orizzonte, anche le banche di investimento hanno appena concluso ciò che si crede sia stato il trimestre più redditizio degli ultimi 20 anni, poiché hanno generato un totale di $ 37 miliardi di commissioni. Ovviamente, si prevede che il crollo di Greensill e Archegos rappresenterà un grave colpo ai profitti di un paio di banche. Ma c’è un sacco di imbottitura per assorbire i colpi.

E poiché le SPAC puntano a obiettivi sempre più grandi (con l’aiuto del capitale istituzionale), il boom dovrebbe continuare, almeno nel breve termine.

A febbraio, la rivale di Tesla Lucid Motors ha dichiarato che sarebbe stata quotata in borsa in una fusione da 24 miliardi di dollari con una delle società di controllo in bianco (come spesso vengono chiamate SPAC) controllate da Michael Klein, un commerciante veterano che è diventato un attore importante nel boom della SPAC . Questo mese il broker online eToro ha annunciato una transazione da $ 10 miliardi da rendere pubblica con una SPAC istituita dal magnate bancario Betsy Cohen. Un altro banchiere ha affermato che questa è la più grande banca mai esistita. “È la cosa più impegnativa che abbia mai conosciuto”, ha affermato Farah O’Brien, partner di private equity e M&A di Latham & Watkins. “C’è un sacco di capitale che sta cercando disperatamente di trovare una casa. Non direi che ci sia cautela nel mercato”.

Le SPAC una volta erano considerate un po ‘losche a Wall Street, il che significa che le banche di alto livello hanno in gran parte evitato l’attività fino a poco tempo fa. Per questo motivo , molte banche devono sviluppare rapidamente la propria esperienza in un mercato di nicchia in precedenza.

Con questo in mente, forse non sorprende che il boom della SPAC abbia ribaltato le classifiche di Wall Street. Cantor Fitzgerald LP, a lungo uno dei principali sottoscrittori della SPAC, è stato il più grande beneficiario del boom e ha concluso il primo trimestre come consigliere numero 10 sulle IPO a livello globale. La boutique, che non ha visto una classifica così alta per nessun anno intero negli ultimi dieci anni, ha portato a casa un sorprendente 99% del credito dell’accordo di quest’anno da lavoro in bianco , secondo i dati compilati da Bloomberg show. Senza gli accordi SPAC, Cantor sarebbe inferiore di 155 posizioni, secondo Bloomberg.

D’altro canto, UBS svizzera e quattro banche d’investimento asiatiche (China International Capital Corp., Citic Securities Co., China Securities Co. e Sinolink Securities) sono uscite tutte dalla top ten mondiale.

Dopo aver raccolto fondi dagli investitori, le SPAC hanno 2 anni per trovare e concludere un accordo per rendere pubblica una società privata in un processo noto come IPO inversa. Se non riescono a concludere un affare in tempo, i soldi devono essere restituiti. Alcuni hanno sottolineato che questa corsa per accordi rapidi ha lasciato poche scelte di qualità per i veicoli appena arrivati ​​sul mercato.

Mentre gli investitori di tutto il mondo cercano di analizzare i rischi associati a questo ultimo boom (secondo alcuni, è stato apparentemente progettato per arricchire sponsor di fondi di grandi nomi mentre affliggeva gli investitori al dettaglio con grandi perdite), il FT ha ricordato ai lettori le vere radici di questa controversa nuova tendenza: “la rinascita degli accordi è tra le conseguenze di un pacchetto di stimoli della Federal Reserve ad aprile, che includeva 2,3 trilioni di dollari in prestiti e il supporto per il mercato delle obbligazioni spazzatura da $ 1,2 trilioni”. Ciò, unito all’inesorabile espansione del bilancio della Fed e ai tassi di interesse che dovrebbero rimanere in sospeso fino al 2023, hanno generato enormi profitti per gli investitori ricchi e istituzionali, che ora stanno realizzando profitti a spese del rinvigorito esercito commerciale al dettaglio.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.