CS: I rappresentanti degli azionisti vogliono cacciare i banchieri modello dal consiglio di amministrazione

Finews.ch 13.4.21

Andreas Gottschling, membro del consiglio di Credit Suisse

Andreas Gottschling, membro del consiglio di Credit Suisse

Andreas Gottschling è un banchiere purosangue e uno specialista in rischi nel Consiglio di amministrazione del Credit Suisse. Ma ora deve affrontare problemi a causa della debacle su Archegos e Greensill.null

La rappresentante americana per i diritti degli azionisti Glass Lewis ha annunciato i suoi slogan per l’Annual General Meeting del Credit Suisse (CS) il 30 aprile. Nel documento a disposizione di finews.ch , la potente “delega” è alla base delle proposte del Consiglio di amministrazione di CS nella maggior parte dei punti all’ordine del giorno.

Con due grandi eccezioni. Gli americani rifiutano qualsiasi remunerazione aggiuntiva per il vertice della banca e si oppongono alla rielezione di Andreas Gottschling nel comitato.null

Espellere il boss del rischio non è sufficiente

Glass Lewis ha giustificato questo nel documento di posizione di martedì con dubbi sulla prestazione di Gottschling e sulla sua idoneità per il posto. Il 53enne tedesco è membro del comitato dal 2017. Con i suoi precedenti lavori presso diverse banche (Deutsche Bank, LGT e Erste Bank), consulente presso McKinsey e membro del consiglio di sorveglianza di Deutsche Börse, è considerato tecnicamente aggiornato e specialista in rischio. finews.ch ha persino nominato Gottschling come uno dei favoriti per succedere al presidente uscente di CS Urs Rohner.

In qualità di capo del comitato, che nel consiglio di amministrazione di CS ha la responsabilità ultima per i rischi della banca, ora è uscito dalla debacle dei fondi Greensill e della società finanziaria di New York Archegos . Come riportato anche da finews.ch , Lara Warner , la risk manager, ha già dovuto lasciare la sua posizione presso la grande banca.

A quanto pare, la misura non è stata sufficiente per placare Glass Lewis. Gli azionisti sono stati anche duramente colpiti dal doppio colpo Greensill-Archegos a CS: un programma di riacquisto di azioni in corso è stato interrotto e il dividendo è stato ridotto di due terzi a 10 centesimi per azione.

Il principale azionista minaccia di vendere

L’investitore finanziario e principale azionista Harris Associates ha minacciato di vendere le sue posizioni CS in risposta agli eventi se l’istituto non intraprende azioni sulla gestione del rischio e sulla cultura. Il rappresentante svizzero per il diritto degli azionisti, Ethos Foundation , ha chiesto piena trasparenza sui risultati dell’indagine che è ora iniziata internamente alla banca sugli incidenti.

Ha senso che Gottschling svolga un ruolo centrale in questa impresa, commissionata dal presidente di CS Rohner: alla fine, i fili si uniscono nel comitato dei rischi del consiglio di amministrazione. Con la dichiarazione di guerra di Glass Lewis, Gottschling ha ora un incentivo molto personale ad arrivare in fondo alla debacle presso la seconda banca svizzera più grande.