Molte banche guadagnano di più sui tassi di interesse negativi di quanto perdano

Il lamento per i tassi di interesse negativi – recentemente è stato ascoltato di nuovo regolarmente nelle PK di bilancio. Prendiamo ad esempio le casse di risparmio: i depositi sono aumentati di 79,1 miliardi di euro nell’ultimo anno, il che, tuttavia, non è motivo di soddisfazione, come ha chiarito il presidente della DSGV Helmut Schleweis: “Questo abbraccio amorevole da parte dei clienti sta portando sempre più fuori la nostra attività del quadro in condizioni di tassi di interesse negativi per respirare “.

Tuttavia, è davvero così?

Uno dopo l’altro: No, ovviamente non vogliamo negare che il livello dei tassi di interesse generalmente basso stia avendo un forte impatto sul settore bancario. E no, non vogliamo nemmeno tornare da te con TLTRO, l’abbiamo fatto abbastanza spesso. Ma – quello che abbiamo appena fatto: abbiamo strappato le relazioni annuali per il 2018 e il 2019 da circa 20 banche e casse di risparmio assolutamente normali e abbiamo guardato: quali tassi di interesse negativi hanno pagato queste banche (cioè per i propri depositi principalmente presso la BCE, ma in parte anche con istituzioni centrali come DZ Bank)? E viceversa, cosa guadagnavi dagli interessi negativi di cui erano gravati i tuoi stessi clienti?

Il risultato dell’esercizio è abbastanza sorprendente. Perché: esattamente la metà degli istituti esaminati non ha perso denaro con tassi di interesse negativi in ​​quanto tale, ma ha addirittura guadagnato denaro a conti fatti – e alcuni non troppo scarsi!

Ecco:

Prima di tutto: molto brevemente sulla metodologia

Perché prima alla metodologia? Perché siamo consapevoli del limitato valore informativo della nostra analisi. Perché: in molte banche, le entrate o le spese derivanti da interessi negativi non sono esplicitamente mostrate. E anche se lo fossero, non avremmo fatto lo sforzo di esaminare tutte le circa 1.700 banche locali.

Invece: ci siamo limitati a 22 banche. Riguarda a) quelle istituzioni in cui il reddito o le spese da interessi negativi potrebbero essere trovati con uno sforzo ragionevole. E b) rappresentare almeno qualcosa come uno specchio della repubblica bancaria in termini geografici. Nello specifico: si tratta di banche di …

  • Kiel (e la zona circostante) nell’estremo nord
  • Garmisch nell’estremo sud
  • Aquisgrana nel profondo ovest
  • e Dresda nell’estremo oriente – e …
  • nelle metropoli di Francoforte e Berlino

Abbiamo scelto volutamente le banche retail classiche: abbiamo trovato 5 casse di risparmio, 6 Volksbank, 5 banche Sparda e 6 banche PSD. Questi sono tutti comparabili in termini di modello di business, nelle loro strutture di stato patrimoniale e di conto economico e nelle loro opportunità di diventare attivi nei mercati monetari e dei capitali. Il loro patrimonio totale (2019) varia da 680 milioni di euro (PSD Bank Kiel) a 19,8 miliardi di euro (Frankfurter Sparkasse).

Ma ora ai risultati …

Le più grandi sorprese a colpo d’occhio

  • 11 degli istituti esaminati, vale a dire la metà! – ha segnato un plus nel 2019 con tassi di interesse negativi. Al contrario, ciò significa che l’altra metà ha effettivamente perso denaro, ma non è affatto vero che tutte le banche in tutto il paese soffrano di tassi di interesse negativi diretti di per sé.
  • Anche in tutte le banche del campione, i tassi di interesse negativi diretti hanno un impatto minore di quanto l’industria vorrebbe credere. Nel 2018, gli interessi negativi ricevuti hanno coperto un sorprendente 89,2% degli interessi negativi maturati. Nel 2019 era ancora del 71,6%. Visto in entrambi gli anni, è stato del 79,1% … Vuoi essere più specifico? Nessun problema. In totale, le 22 case hanno ricevuto circa 45,1 milioni di euro con interessi negativi nel 2018 e nel 2019, rispetto ai 57,0 milioni di euro che hanno dovuto pagare con interessi negativi.
  • Il front runner positivo del campione è stato Frankfurter Sparkasse , che nel 2019 con interessi negativi ha guadagnato 7,3 milioni di euro in più di quanto si è dovuto pagare. Questo era di gran lunga il valore più grande sia in numeri assoluti che misurato rispetto al reddito da interessi all’epoca. Il saldo ha contribuito con un impressionante 3,5% al ​​risultato dell’interesse totale di 211 milioni di euro!
  • Il valore anomalo positivo nel campione era PSD Bank Munich (la banca PSD più vicina a Garmisch) : nel 2019, l’interesse negativo ricevuto ha superato l’interesse negativo pagato di un fattore 39! Nello specifico: 37.130 euro che ha ricevuto sono stati rispetto a soli 802 euro, il che ha ridotto il suo reddito da interessi.

Le banche PSD riscuotono particolare successo

Le banche PSD in particolare attirano l’attenzione: 5 delle 6 case hanno mostrato un saldo positivo! Per la maggior parte di loro questo sembra decisamente imbarazzante. Ad esempio, nel bilancio annuale si possono trovare diverse frasi esplicative: “Non abbiamo generato interessi positivi dai depositi dei clienti nella nostra azienda”, scrive PSD Bank Kiel. Altri formulano in modo simile, quasi alla parola: esiste già un regolamento linguistico interno per questo, preferiresti le banche PSD? In ogni caso, si fa solitamente riferimento anche al fatto che l’interesse positivo deriva dai depositi di clientela istituzionale o di altre banche, ad esempio presso PSD Bank West. Basta che nessuno abbia l’idea che le case siano amichevoli con la parsimoniosa nonna!

E gli altri gruppi bancari? Posso aiutarla:

  • Nel 2019, almeno 3 istituzioni su 5 hanno registrato un saldo positivo tra le casse di risparmio , in particolare: la Frankfurter Sparkasse (7,3 milioni di euro), la Sparkasse Aachen (2,1 milioni di euro) e la Kreissparkasse Dresden (52.382 euro) – va sì, signor Schleweis!
  • Nelle banche cooperative , 2 su 6 hanno avuto un saldo positivo nel 2019, Kieler Volksbank (258.868 euro) e VR Bank Weidenfels (con almeno 63.766 euro).
  • Le banche Sparda sono state in fondo alla lista: tra le 5 banche esaminate, solo Sparda-Bank Hamburg è riuscita a generare un aumento del bottom line nel 2019, più precisamente: 411.755 euro.

Parte di tutta la verità è che: ad eccezione delle casse di risparmio di Francoforte e Aquisgrana, il saldo positivo nel 2019 è stato limitato, per la maggior parte è compreso tra sei o anche cinque cifre e rappresentava solo un massimo dell’1% circa. del risultato di interesse. Ma almeno!

A Berlino i tassi di interesse negativi assorbono l’8,1% del risultato degli interessi

Inoltre, ovviamente, non vogliamo nascondere il fatto che i tassi di interesse negativi a metà delle 22 banche esaminate, che hanno effettivamente pagato un extra nel 2019, hanno colpito pesantemente l’ufficio in alcuni casi. Alla fine, la Sparda-Bank Berlin ha pagato 4,1 milioni di euro in più di interessi negativi di quelli ricevuti, e questo con un risultato di interessi di 50,2 milioni di euro! A fronte di ciò, il saldo negativo è pari all’8,1%, facendo dell’istituto la controparte negativa del front runner positivo Frankfurter Sparkasse.

I numeri di Sparda-Bank West erano altrettanto pessimi: lì il saldo negativo nel 2019 è stato di ben 6,4 milioni di euro, con un risultato di interessi di 96 milioni di euro! Quindi rappresenta il 6,7%. Questi sono ordini di grandezza che deprimono in modo significativo il reddito netto da interessi, senza dubbio.

Sì, sì, sappiamo che è tutto solo un riflettore. Solo un campione! Niente di rappresentativo! Senza numeri per il 2020! E siamo sicuri di trascurare numeri o relazioni essenziali per valutare il quadro generale. Ma dobbiamo iniziare da qualche parte.