Madrid vuole limitare gli stipendi dei dirigenti di banca

Il governo spagnolo chiede alla Banca centrale di limitare la remunerazione dei dirigenti bancari dopo che hanno appena annunciato la più grande ristrutturazione nella storia del settore bancario spagnolo.

Sono controversi gli aumenti e i bonus degli amministratori di Caixabank, dopo la fusione con Bankia, che hanno appena annunciato l'eliminazione di 8.300 posti di lavoro.
Gli aumenti e i bonus dei dirigenti di Caixabank, dopo la fusione con Bankia, sono controversi quando hanno appena annunciato l’eliminazione di 8.300 posti di lavoro. (David Campos / AFP)

Attraverso Cecile ThibaudPubblicato il 24 aprile 2021, 10:22 lesechos.fr

Il governo spagnolo chiede alla Banca di Spagna di limitare gli stipendi e i bonus dei dirigenti del settore finanziario. ” Questi alti stipendi e questi bonus mi sembrano inaccettabili, soprattutto nelle entità che annunciano pesanti tagli al personale “, ha detto indignata il ministro dell’Economia Nadia Calviño. Nel contesto della pandemia, gli stipendi e i bonus dei dirigenti devono essere allineati con gli sviluppi del settore e dell’economia nel suo complesso ”.

Mazza

Sta facendo questo appello in un momento in cui il settore bancario sta aprendo la più grande fuga di posti di lavoro nella sua storia . Il paese ha appreso, nella stessa settimana, dell’eliminazione di 3.800 posti di lavoro presso BBVA e 8.300 presso CaixaBank, che apre il più grande piano sociale mai visto nel settore finanziario spagnolo. L’entità di queste ristrutturazioni, notevolmente superiore alle previsioni degli analisti, ha avuto l’effetto di un colpo di martello. È tanto più scioccante in un momento in cui i leader delle banche in questione stanno approvando i loro comodi aumenti di stipendio ei loro bonus.

A BBVA, l’assemblea generale degli azionisti ha votato, due giorni prima dell’annuncio del piano di licenziamento, per aumentare la remunerazione del presidente, Carlos Torres, da 4,10 a 6,9 milioni di euro, e il quasi raddoppio di quella dell’amministratore delegato, Onur Genç, da 3,4 a 6,3 milioni.

Da parte di CaixaBank, gli azionisti dovrebbero ratificare nelle prossime settimane il nuovo stipendio del presidente, Ignacio Goirigolzarri, che guadagnerà 1,65 milioni di euro, tre volte di più rispetto a quando era in Bankia prima della fusione .

” È uno scandalo e un’oscenità, quando ci si prepara ad espellere migliaia di persone “, protesta il sindacalista Uni Sordo, segretario generale delle commissioni dei lavoratori. Non è l’unico ad essere indignato. ” Il settore ha ricevuto aiuti significativi durante la crisi  “, ricorda il ministro della previdenza sociale, José Luis Escriva, chiedendo ai banchieri “di interiorizzare la protezione di cui ha beneficiato il settore per evitare danni maggiori “.

Silenzio dei banchieri

Finora queste chiamate sono rimaste senza risposta. I banchieri tacciono e la Banca di Spagna si accontenta di sottolineare che il governatore non ha l’abitudine di commentare le opinioni di terzi, ministri compresi.

Il governo spera comunque di poter trovare meccanismi per limitare gli alti salari e la distribuzione dei bonus dato il contesto sociale. ” Non è il momento per questo tipo di comportamento “, insiste il ministro del Lavoro Yolanda Diaz.  Dobbiamo tutti remare nella stessa direzione, che è l’occupazione . “

Cécile Thibaud (corrispondente a Madrid)