Greensill prevedeva un galleggiamento di 22 miliardi di sterline che avrebbe potuto significare un guadagno inaspettato per Cameron

Esclusivo: i banchieri hanno previsto un’enorme valutazione che implicava un potenziale giorno di paga a nove cifre per l’ex PM

Simon Goodley , Felicity Lawrence , Paul Lewis e Kalyeena MakortoffVen 23 aprile 2021 16:21 CEST guardian.com

322

Greensill Capital stava prendendo in considerazione una quotazione in borsa di 22 miliardi di sterline – una cifra che sminuisce le stime precedenti e implicava un potenziale guadagno a nove cifre per il suo consigliere David Cameron – solo poche settimane prima delle intense pressioni governative dell’ex primo ministro.

La nuova cifra è rivelata in una presentazione per il consiglio di amministrazione della società alla fine di gennaio 2020 dai suoi banchieri Credit Suisse, che ha delineato i piani per posizionare “Greensill per una valutazione premium”, ha descritto il prestatore come una società “una volta in una generazione” che l’investitore in crescita deve possedere ”.

Il documento, che è stato visto dal Guardian, ha confrontato Greensill ora crollato con giganti finanziari come Mastercard e PayPal.

Ha affermato che la crescita esponenziale dell’azienda nei tre anni successivi sarebbe stata supportata da “stakeholder” chiave tra cui Cameron, Masayoshi Son, il capo dell’investitore Greensill SoftBank e Julie Bishop, l’ex ministro degli affari esteri australiano, che era anche un consigliere del fermo.

Ha concluso: “Il Credit Suisse è fiducioso che Greensill possa ottenere una valutazione superiore a 30 miliardi di dollari [£ 22 miliardi] di valore azionario”.

Rapporti precedenti hanno suggerito che a Cameron fosse stata concessa una partecipazione di circa l’1% in Greensill per il suo ruolo di consulente, il che implica che l’ex primo ministro avrebbe potuto prevedere un guadagno inaspettato di circa 200 milioni di sterline in quel momento, supponendo che la valutazione del Credit Suisse fosse stata raggiunta.

Quel tipo di ricchezza avrebbe collocato Cameron accanto a personaggi del calibro del pilota di Formula Uno Lewis Hamilton e le star del cinema Catherine Zeta-Jones e Michael Douglas nella lista dei ricchi del Sunday Times.

La valutazione di $ 30 miliardi rappresenta un’istantanea all’inizio del 2020, prima della pandemia di Covid-19, delle ambizioni di Greensill per un futuro galleggiamento. L’istituto di credito ha tuttavia iniziato ad affrontare una “pressione significativa” mesi dopo, poiché la diffusione del coronavirus ha mandato i mercati in subbuglio.

Quando Greensill ha cercato di raccogliere più fondi da nuovi investitori con una valutazione inferiore alla fine del 2020, non ha avuto successo, con la società alla fine al collasso nella primavera di quest’anno .

Tuttavia, la presentazione del Credit Suisse fornisce un’indicazione delle ingenti somme che Cameron avrebbe potuto prevedere di guadagnare dal suo lavoro per Greensill quando, all’inizio del 2020, ha intrapreso un’intensa campagna di lobbying a Whitehall per conto del suo datore di lavoro.

Le rivelazioni sul modo in cui Cameron ha spinto ministri e funzionari pubblici a sostenere gli affari di Greensill hanno portato a otto indagini separate.

Giovedì è emerso che Cameron aveva ripetutamente spinto la Banca d’Inghilterra e il Tesoro a rischiare fino a 20 miliardi di sterline in contanti dei contribuenti per aiutare Greensill nei mesi di marzo e aprile 2020, poche settimane dopo la creazione del documento del Credit Suisse e quando l’istituto di credito ha iniziato a affrontare una pressione finanziaria “significativa” all’inizio della pandemia di Covid-19.

Cameron ha esortato i funzionari della banca a quel tempo a sostenere Greensill fornendogli l’accesso al meccanismo di finanziamento aziendale Covid (CCFF), un programma governativo che acquistava prestiti da società di servizi finanziari.

Durante lo stesso periodo Cameron ha anche inviato più messaggi al cancelliere, Rishi Sunak , nel tentativo di ottenere l’accesso allo stesso programma di prestiti garantiti dal governo al 100%, uno sforzo che alla fine si è rivelato infruttuoso poiché Greensill non ha mai avuto accesso al programma.

Tuttavia, la società è stata successivamente accreditata al programma di prestito per l’interruzione delle grandi imprese del coronavirus (CLBILS) , dandole la possibilità di offrire prestiti garantiti dal governo fino a 50 milioni di sterline.

Il Credit Suisse ha rifiutato di commentare i contenuti della sua presentazione. Una fonte vicina alla banca ha confermato al Guardian che la valutazione di 30 miliardi di dollari era basata sul piano aziendale di Greensill e che la banca svizzera sperava di essere nominata per lavorare alla quotazione in borsa.

Una fonte di Greensill ha aggiunto che la società, all’inizio del 2020, stava proiettando un’offerta pubblica con una valutazione di decine di miliardi di dollari.

Cameron ha rifiutato di commentare il record, anche se una fonte vicina all’ex primo ministro ha detto: “Queste cifre sono tutte nel regno della fantasia. L’azienda ha tentato di raccogliere fondi per una frazione di quel valore e alla fine ha fallito “.

Una fonte della City che è stata coinvolta in società galleggianti per più di tre decenni ha detto che qualsiasi banca che fa un’offerta per gestire una quotazione in borsa sarebbe “sciocco andare per troppo di più di quello che pensa [sia realizzabile]” in una presentazione a un cliente .Come è caduto il più potente funzionario del Regno Unito per Lex Greensill? Andy BeckettLeggi di più

Cameron ha precedentemente respinto i suggerimenti secondo cui era motivato dalla prospettiva di un enorme pagamento, affermando: “La mia remunerazione era in parte sotto forma di assegnazione di azioni. Il loro valore non era affatto vicino all’importo speculato dalla stampa [circa 60 milioni di sterline]. “

Ha aggiunto: “Nelle mie rappresentanze al governo, non infrangevo nessun codice di condotta e nessuna regola del governo. Il registro dei lobbisti consulenti ha scoperto che le mie attività non rientravano nei criteri che richiedono la registrazione “.

Un’indagine di Observer di questo mese ha scoperto che Cameron era in linea di trarre profitto da un fondo per benefici ai dipendenti registrato in Jersey che deteneva azioni per un valore di almeno $ 30 milioni nel 2019. Quelle azioni sarebbero aumentate di valore se la società fosse stata quotata in borsa con successo.