Credit Suisse: gli azionisti vogliono sanzionare il consiglio di amministrazione

Finews.ch 25.4.21

Dopo gli scandali Archegos e Greensill, gli azionisti del gruppo bancario svizzero, tra cui Harris Associate e la Fondazione Ethos, rivendicano il capo di Andreas Gottschling. Presidente del comitato rischi del Credit Suisse dal 2018, il tedesco è considerato il principale responsabile delle recenti battute d’arresto del gruppo.

La banca si era già trovata coinvolta nello scandalo provocato dal fallimento della fintech britannica Greensillo
La banca si era già trovata coinvolta nello scandalo provocato dal fallimento della fintech britannica Greensillo (REUTERS / Arnd Wiegmann)

Di Les EchosPubblicato il 26 aprile 2021, 11:36Aggiornato il 26 aprile 2021, 12:44 Les Echos.fr

Dopo la serie di battute d’arresto che Credit Suisse sta affrontando da oltre un anno, gli azionisti della banca svizzera vogliono sanzionare il suo consiglio di amministrazione. Il presidente del comitato di rischio della banca, Andreas Gottschling, è particolarmente nel loro mirino.

Il 53enne tedesco, che ha assunto la presidenza del comitato dei rischi della banca nel 2018, è stato criticato dal crollo del fondo Archegos, cliente del Credit Suisse. Sui mercati finanziari, la notizia è stata sanzionata dalla banca svizzera che a fine marzo è crollata del 15% alla Borsa di Zurigo. La scorsa settimana il Credit Suisse ha aumentato la sua perdita attesa in questo caso a 4,5 miliardi di euro.