Credit Suisse: il principale azionista minaccia di uscire

David Herro, Harris Associates

David Herro, Harris Associates

Finews.ch 1-4-21

Il principale azionista Harris Associates ha subito perdite di prezzo per molti anni. Ma la debacle di Archegos al Credit Suisse è ora al di sopra del suo cappello.null

“Se arriviamo alla conclusione che il team di gestione non sarà in grado di creare valore in futuro, allora venderemo il titolo”: ha detto a Bloomberg TV David Herro, direttore degli investimenti della società di investimento Harris Associates .

La minaccia è chiaramente rivolta al Credit Suisse (CS) e al suo team di gestione attorno al CEO Thomas Gottstein e al presidente Urs Rohner . A causa della debacle che circonda la società finanziaria statunitense Archegos Capital Management , la quota della banca principale ha perso il 20 percento del suo valore dall’inizio della settimana. Di conseguenza, la capitalizzazione di mercato di CS è diminuita di circa 5 miliardi di franchi.null

Parole taglienti contro Urs Rohner

Harris Associates, filiale del gestore patrimoniale francese Natixis, è attualmente il secondo azionista della grande banca dopo il fondo sovrano dell’Emirato del Qatar, con una quota del 5,17%. L’investitore ha ricoperto questa posizione oggetto di comunicazione dal 2013; da allora la puntata ha perso due terzi del suo valore.

Nei giorni scorsi, il capo degli investimenti Herro si era già espresso in modo deciso contro il presidente della banca Rohner e gli aveva chiesto di rinunciare allo stipendio aggiuntivo.

Ultima possibilità

Herro si era schierato con l’allora CEO Tidjane Thiam nello scandalo “Spygate” sullo spionaggio dei dipendenti di CS contro Rohner . Ma questo non ha aiutato Thiam: per volere del consiglio di amministrazione di CS, ha dovuto lasciare il suo posto nel febbraio 2020.

Come il principale azionista di CS ha ulteriormente spiegato a “Bloomberg TV”, la vendita della posizione di CS non è ancora pronta. “Ma spero che questo sia stato un campanello d’allarme per la banca, in modo che ora stia guidando il cambiamento culturale”, ha detto l’anglo-sassone.