Il guardiano di finanza apre 2 indagini contro Credit SuisseLa FINMA annuncia di mettere il naso in due recenti casi di hedge fund, britannico e americano, che avrebbero potuto silurare tutti i profitti annuali della banca numero 2 svizzera.

Marion emonot lematin.ch

Ci vorranno “mesi” ma le conclusioni saranno pubbliche, promette Finma. Lo ha annunciato giovedì mattina il poliziotto di banca, che a marzo ha aperto una procedura sulla vicenda Greensill e sui fondi Supply Chain Finance del Credit Suissein un comunicato stampa, nominarne un altro nello stesso stabilimento. Questa nuova indagine riguarda l’implosione dell’hedge fund americano Archegos che ha causato 4,4 miliardi di perdite al colosso bancario svizzero. In entrambi i casi, si tratta di eliminare eventuali violazioni nella gestione del rischio ( applicazione ).

Di cosa si tratta? La banca svizzera ha fornito servizi di prime brokerage all’hedge fund Archegos Capital, specializzato in debito con leva. Il residente di Zurigo ha quindi prestato contanti o titoli e ha effettuato transazioni per conto dell’americano. Tuttavia, Archegos Capital è stata molto esposta al fallimento della società ViacomCBS. L’effetto domino è arrivato rapidamente: Archegos è stata costretta a vendere l’equivalente di $ 20 miliardi (anche 30 miliardi secondo altre stime) delle sue posizioni azionarie alla fine di marzo. Vendite massicce che hanno scosso Wall Street. Quel giorno, le azioni del Credit Suisse hanno perso il 14% alla chiusura.

Nei due casi, Greensill (una società britannica in bancarotta) e Archegos, le perdite del Credit Suisse sono probabilmente comprese tra 3 e 4 miliardi, come stimato il Financial Times quando si sono verificati questi casi. Questo è l’intero profitto realizzato dal Credit Suisse lo scorso anno.

“Perdita inaccettabile” 

Scosso dal fallimento della società finanziaria britannica Greensill e dall’implosione del fondo americano Archegos, il Credit Suisse ha annunciato giovedì di aver subito una perdita netta di 252 milioni di franchi nel primo trimestre. La banca ha dovuto registrare un addebito di 4,4 miliardi di franchi svizzeri nei suoi conti per coprire i danni relativi ad Archegos. “La perdita che stiamo registrando in questo trimestre, a causa di questo caso, è inaccettabile”, ha affermato Thomas Gottstein, CEO di Credit Suisse. Ha ora liquidato circa il 97% delle sue posizioni legate a questo fondo e prevede ulteriori perdite di 600 milioni di franchi nel secondo trimestre, ha affermato. Alle 14:10, il titolo ha perso il 5,31% alla Borsa di Zurigo.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.