Leonardo: a Profumo un bonus sostenibile (MF)

Fonte: MF Dow Jones (Italiano)

Dopo aver fatto il suo ingresso nel bilancio e nel piano strategico la sostenibilità si rafforza anche nel determinare i compensi riconosciuti ad Alessandro Profumo, amministratore delegato di Leonardo. 

Nella relazione sulla politica di remunerazione 2021 il gruppo dell’aerospazio e della difesa ha inserito nuove variabili indicizzate agli obiettivi Esg (environmental, social e governance) che concorrono a determinare i bonus riconosciuti al top manager. Le proposte dovranno essere approvate all’assemblea degli azionisti che si dovrebbe tenere il 19 maggio. La remunerazione di Profumo prevede per l’anno in corso una parte fissa di 80 mila euro, come stabilito dall’assemblea del 20 maggio 2020, più 920 mila euro a titolo di «emolumento per cariche speciali», fissato dal cda nella stessa data. Il tutto è rafforzato da una remunerazione variabile di breve termine fino a 660 mila euro annui e da una di lungo termine fino a 620 mila euro annui. 

La nuova politica di remunerazione di Leonardo per l’amministratore delegato e per il top management, si legge nella relazione, «prevede un particolare focus sugli obiettivi Esg. Nel 2021, oltre all’obiettivo legato all’inclusione di Leonardo nei Dow Jones Sustainability Index presente nella scheda obiettivi dei ruoli di vertice da diversi anni, si prevede la valutazione della performance Esg rispetto a un ulteriore obiettivo legato alla salute e alla sicurezza dei dipendenti di Leonardo». L’obiettivo, che pesa per il 5% sulla componente di breve termine, si misura sulla base del numero di infortuni per un milione di ore lavorate. Il target di 0,78 implica una riduzione del 25% rispetto alla frequenza media del biennio 2018-19, pari a 1,04. La sostenibilità interviene anche sul piano di incentivazione a lungo termine, sempre da approvare in assemblea. Sono previsti obiettivi legati alla sostenibilità alla voce «climate change», che vale il 10%, e ha come obiettivo il taglio delle emissioni di gas serra (scopo 1 e 2 degli Sdg Onu). «Questo obiettivo rappresenta uno dei principali impegni presi da Leonardo sull’utilizzo sostenibile di risorse energetiche e la riduzione degli impatti ambientali. L’indicatore calcola il rapporto tra emissioni e ricavi per anno e fissa un target di 43,1 al 2023, definito «coerente con una riduzione rispetto ai valori del 2020, pari a 45,39», come indicato nel Leonardo Sustainability Plan. 

fch 

 

(END) Dow Jones Newswires

May 11, 2021 03:24 ET (07:24 GMT)