Andrea Orcel: faccia a faccia con il tuo nemico preferito-Il processo da 112 milioni di euro tra l’ex banchiere UBS Andrea Orcel e la banca spagnola Santander a Madrid è stato rinviato più volte. Ora c’è un altro tentativo: le emozioni potrebbero diventare alte.

Finews.ch 18.5.21

Andrea Orcel

Andrea Orcel

Il processo da 112 milioni di euro tra l’ex banchiere UBS Andrea Orcel e la banca spagnola Santander a Madrid è stato rinviato più volte. Ora c’è un altro tentativo: le emozioni potrebbero diventare alte.null

È giunto il momento (oggi) mercoledì mattina: dopo due tentativi , il processo tra l’ex capo della banca d’affari di UBS e l’attuale CEO di Unicredit Andrea Orcel e Santander si svolgerà a Madrid, in Spagna . Mentre Orcel può essere rappresentato, la presidente di Santander Ana Botin (foto sotto) apparirà come testimone. Invitato anche Axel Weber,presidente della principale banca svizzera UBS.

In attività da generazioninull

La posta in gioco è colossale. Orcel, che ha lasciato UBS come capo della banca d’affari fino al 2018, ha citato in giudizio Santander per 112 milioni di euro. Questo dopo che la banca si è separata unilateralmente da lui prima che potesse assumere il suo lavoro come nuovo CEO nel 2019. Il processo di Madrid ruota essenzialmente attorno alla questione se fosse già in vigore un contratto di lavoro (dice Orcel) o solo un accordo non vincolante (posizione di Santander).

Ma si tratta anche di una relazione di vecchia data che si è rotta e di lesioni personali. L’ormai 58enne professionista finanziario italiano Orcel aveva lavorato con Santander per decenni e aveva stretto  accordi di banca d’affari con il padre di Ana Botin, Emilio . Quando avrebbe dovuto assumere la carica di CEO della principale banca spagnola nel 2019, è stata una specie di ritorno a casa.

Messenger 500

Bank Unicredit come terza parte scontenta

Tanto più doloroso per Orcel quando il palo di testa a Santander gli è stato strappato in un’azione senza precedenti. Aveva anche già trovato una scuola per sua figlia a Madrid e stava per acquistare una villa lì. La battaglia legale con Santander da allora è stata combattuta duramente da entrambe le parti; Secondo i resoconti dei media, avrebbero addirittura dovuto esserci delle intercettazioni segrete.

Rispetto all’agenzia “Bloomberg” (articolo soggetto a pagamento) , Santander era ora fiducioso di aver fatto tutto bene legalmente non assumendo Orcel.

Il fatto che Orcel sia rimasto fedele alla data del processo di oggi anche dopo la sua elezione a capo della grande banca italiana Unicredit la dice lunga. Non ti piace vedere la discussione con il tuo nuovo datore di lavoro; Unicredit ha anche chiarito che in nessun caso Orcel compenserà i bonus persi presso UBS.

Reputazione e denaro in gioco

UBS, a sua volta, detiene ancora bonus bloccati di oltre 50 milioni di franchi, che Orcel perde secondo le regole applicabili se accetta il suo lavoro presso un concorrente della principale banca svizzera. Si dice che una volta Santander abbia promesso a Orcel di risarcirlo con 35 milioni di euro per i bonus persi all’inizio. Il presidente di UBS Weber ha già fatto una dichiarazione chiara sull’argomento: “Lascia perdere” – lascia la banca e perderai i tuoi bonus, ha detto lo scorso gennaio all’indirizzo dell’ex manager. 

La controversia tra gli ex soci in affari, divenuti nemici, appare quindi estremamente difficile. Entrambe le parti non solo stanno rischiando un sacco di soldi, ma anche la loro reputazione. Da questo punto di vista, una transazione stragiudiziale sarebbe la soluzione elegante: questa è comunque aperta ad entrambe le parti. Secondo Bloomberg, la decisione del tribunale arriverà tra settimane, se non mesi, e potrà essere impugnata nuovamente.