Eurostar conclude un accordo e sfugge alla bancarotta

Lematin.ch 18.5.21

Per evitare il fallimento, Eurostar ha dovuto trovare nuovi soldi prima della fine di maggio-inizio giugno. E ‘fatto.

Eurostar ha perso quasi tutti i suoi passeggeri nell'ultimo anno.
Eurostar ha perso quasi tutti i suoi passeggeri nell’ultimo anno.Reuters

La società cross-channel Eurostar, una controllata al 55% di SNCF, ha annunciato martedì di aver raggiunto un accordo di finanziamento di 250 milioni di sterline (317 milioni di franchi) con i suoi azionisti e le sue banche, consentendole di sfuggire a un fallimento imminente.

Eurostar, che al momento prevede solo un viaggio di andata e ritorno Parigi-Londra e una Parigi-Bruxelles al giorno, doveva assolutamente trovare nuovi soldi, prima della fine di maggio-inizio giugno, per evitare di dichiarare bancarotta.

Deficit di immagine

L’azienda soffre di essere percepita nel Regno Unito come una società pubblica francese, mentre è spesso vista in Francia come una società britannica poiché ha sede a Londra. Non ha beneficiato di aiuti diretti o prestiti garantiti dagli Stati.

L’accordo trovato “consente di garantire il futuro di Eurostar in un contesto di revoca dei divieti di viaggio e graduale ripresa delle attività”, ha affermato la società in un comunicato. “Le misure di sostegno decise oggi le consentiranno di far fronte agli obblighi finanziari a breve e medio termine”.

“Un passo importante”

L’amministratore delegato di SNCF Voyageurs, Christophe Fanichet, ha accolto con favore “questo rifinanziamento, che è un passo importante per garantire la sostenibilità di Eurostar e dei viaggi tra il continente e la Gran Bretagna”. Comprende il contributo di 50 milioni di sterline di capitale proprio da parte dei suoi azionisti, un prestito di 150 milioni garantito da questi stessi azionisti e 50 milioni di linee di credito esistenti ristrutturate.

Oltre a SNCF, Eurostar è partecipata al 40% dal consorzio Patina Rail – composto per il 30% dalla Caisse de dépôt et placement du Québec e per il 10% dal fondo britannico Hermes Infrastructure – e per il 5% dalla SNCB belga. Questi azionisti hanno già contribuito con 210 milioni di euro.

Massiccia perdita di passeggeri

Eurostar, che ha perso quasi tutti i suoi passeggeri per un anno, ha allo stesso tempo fatto di tutto per ridurre i costi e ha preso in prestito 450 milioni di euro.

L’azienda deve aumentare la sua offerta a due viaggi giornalieri andata e ritorno sulla linea Londra-Parigi, poi con un terzo servizio a partire dalla fine di giugno. “Aumenterà gradualmente la frequenza durante l’estate, come previsto allentamento delle restrizioni di viaggio”, afferma il comunicato.