Anche Cartier è molto richiesto durante la crisi: i consumatori si concedono un po ‘di lusso

Le società di beni di lusso come Richemont stanno di nuovo andando eccezionalmente bene. Nicole Rütti21 maggio 2021, 14:58 nzz.ch

Man mano che la pandemia si attenua, è probabile che più turisti tornino nei negozi di lusso del Gruppo Richemont.
Man mano che la pandemia si attenua, è probabile che più turisti tornino nei negozi di lusso del Gruppo Richemont. Imago

Il gruppo di beni di lusso Richemont, che vende marchi noti come Cartier, IWC e Piaget, è stato ripetutamente confrontato con speculazioni di acquisizione. L’intensificarsi della concorrenza nel settore dei beni di lusso e il difficile corso degli affari dopo lo scoppio della crisi Corona li hanno recentemente alimentati. Come ha confermato venerdì il presidente del consiglio di amministrazione Johann Rupert, i colloqui tra i rivali francesi Kering e Richemont si sono effettivamente svolti più di un anno fa. Ma non si trattava di un’offerta pubblica di acquisto, ma piuttosto di una possibile collaborazione, sottolinea Rupert.