Rcs/Blackstone: ipotesi unificazione cause a New York (MF)

Fonte: MF Dow Jones (Italiano)

Vinto, su tutta la linea, il Lodo Solferino con il collegio arbitrale che ha rigettato le richieste di Rcs Mediagroup – salvo affermare che gli immobili avevano un valore di 33 milioni in più rispetto al valore della cessione datata 2013, Blackstone non si ferma. E se come riferito da MF-Milano Finanza il 18 maggio adesso riparte la doppia causa intentata dal fondo real estate Usa alla casa editrice italiana (300 milioni) e al suo proprietario (300 milioni), l’investitore immobiliare più grande al mondo gestito da presidente e ceo Stephen Allen Schwarzman intende definire una strategia legale aggressiva. 

Perché come si legge nella lettera inoltrata nella giornata odierna dallo studio legale Kirkland&Ellis LLP ad Andrew Borrok, giudice del secondo distretto della Suprema Corte di New York, Blackstone sta valutando l’opportunità di unificare le due istanze di risarcimento danni (per ingerenza illecita nei rapporti commerciali, calunnia, violazione del contratto e del patto di buona fede e correttezza) depositate lo scorso 20 novembre 2018: cause congelate dal giudice Saliann Scarpulla in attesa della definizione del Lodo Solferino, oltre che dell’inchiesta per usura aperta dalla Procura di Milano che poi ha chiesto l’archiviazione della stessa alla quale si è opposto il piccolo socio Rcs che aveva presentato la denuncia. 

Come scrivono i legali di Kirkland&Ellis “i querelanti presenteranno entro il 30 giugno un reclamo modificato, tenendo conto della decisione e dei risultati del collegio arbitrale di Milano, o informeranno l’avvocato dell’imputato che i querelanti non intendono presentare un reclamo modificato (e procederanno con il reclamo corrente)”. Tradotto? Non è escluso che Blackstone invece che chiedere i danni a Rcs e Urbano Cairo decida di rifarsi esclusivamente o sull’azienda milanese di via Rizzoli proprietaria, tra gli altri asset, del Corriere della Sera e della Gazzetta dello Sport, o contro l’imprenditore piemontese che controlla il gruppo attraverso la Cairo Communication (65,3% dei diritti di voto). 

red/lab 

MF-DJ NEWS 

2608:03 mag 2021 

 

(END) Dow Jones Newswires

May 26, 2021 02:05 ET (06:05 GMT)