Unipol: rompe gli indugi, Sondrio verso Bper (MF)

Fonte: MF Dow Jones (Italiano)

Unipol rompe gli indugi e compie una nuova mossa sullo scacchiere del risiko bancario italiano. Ieri la compagnia bolognese saldamente guidata da Carlo Cimbri ha annunciato un reverse accelerated book-building sul 6,62% della Popolare di Sondrio, di cui è attualmente azionista al 2,9%. Per la procedura Unipol si è affidata a Equita (la sim milanese presieduta da Francesco Perilli e già attiva sulle offerte Intesa-Ubi e Credit Agricole- Creval) che comprerà le azioni a «un premio sul prezzo di chiusura di ieri dell’azione Sondrio compreso tra il 2% e il 4% circa”. 

Equita, spiega la nota diffusa ieri, si rivolgerà a investitori qualificati in Italia e a istituzionali esteri che siano intenzionati a vendere le azioni. Il raggiungimento di 30 milioni di azioni acquistate comunque “è condizione vincolante ai fini del buon esito dell’operazione; tuttavia, UnipolSai si riserva di accettare offerte per un numero di azioni inferiore a quello indicato”. 

Se il reverse accelerated book-building avrà esito positivo, scrive MF, Unipol diventerà primo azionista di Sondrio con il 9,51%. Una quota che, al momento della trasformazione in spa della banca (attesa entro la fine dell’anno), consentirà alla compagnia di avere un peso rilevante nella governance e nella strategia industriale. L’obiettivo? «L’operazione (per la quale la compagnia è disposta a investire 125 milioni, ndr) si inquadra nella strategia di UnipolSai finalizzata a contribuire ai piani di sviluppo della banca, partner industriale del gruppo Unipol dal 2010 nel comparto della bancassicurazione danni e vita», ha spiegato Bologna, ricordando gli accordi di bancassurance con la Sondrio. Con ogni probabilità però l’obiettivo di medio periodo sarà un’integrazione dell’istituto valtellinese con Bper, banca di cui Unipol detiene quasi il 20% e della quale dall’aprile scorso esprime una consistente parte del vertice compreso il ceo Piero Montani e i consiglieri Gianni Franco Papa, Roberto Giay e Gian Luca Santi. Un’integrazione tra Bper e Sondrio (che, secondo qualche osservatore, potrebbe essere allargata anche a Carige, guardata però con attenzione anche da Crédit Agricole) metterebbe in stand by l’ipotesi di un merger tra Bper e Banco Bpm su cui sinora ha puntato il ceo di Piazza Meda, Giuseppe Castagna. 

red/lab 

MF-DJ NEWS 

2608:08 mag 2021 

 

(END) Dow Jones Newswires

May 26, 2021 02:09 ET (06:09 GMT)