Nonostante una perdita di 800 milioni con ArchegosIl CEO di UBS Hamers si fida del business degli hedge fund

Blick.ch 30.4.21

Le attività di hedge fund sono strategicamente importanti per UBS, afferma il CEO Ralph Hamers nella sua prima intervista. Cosa dice dello scandalo Archegos e come si presenta l’orario di UBS.

Ralph Hamers è in carica da otto mesi. Il CEO di UBS ha ora rilasciato la sua prima intervista e ha subito parlato dello scandalo degli hedge fund del Credit Suisse, in cui è coinvolta anche la sua banca. La disfatta di Archegos è costata a UBS quasi 800 milioni di franchi.

Secondo Hamers, UBS può “continuare a sviluppare” la sua cultura del rischio. Tuttavia, non c’è stato alcun caso in cui i segnali di avvertimento siano stati annullati, ha detto Hamers alla “NZZ”venerdì. “Siamo già stati criticati per essere troppo conservatori”.

Una delle lezioni dal caso del crollo dell’hedge fund americano Archegos è che la banca non avrebbe dovuto accettare la mancanza di trasparenza. Quando in seguito è stata stabilita la trasparenza, è diventato evidente che erano state create posizioni comparabili negli stessi titoli con altre banche.

Questo è il motivo per cui l’attività di hedge fund è importante

Ciò ha portato anche a un “rischio di concentrazione”: se qualcosa va storto, tutti reagiscono contemporaneamente e c’è una “reazione estrema del mercato” nei prezzi delle azioni. “Per i clienti che hanno costruito posizioni concentrate, chiediamo maggiori garanzie, ridurre l’effetto leva o non continuare il rapporto”, ha detto Hamers.

Tuttavia, UBS non vuole rinunciare alla sua attività di hedge fund, nota come prime brokerage. “Il prime brokerage è strategicamente importante per noi perché i privati e i family office più ricchi richiedono servizi che siano effettivamente rivolti a clienti istituzionali”. Tuttavia, UBS sta rivedendo i suoi processi e le relazioni con i clienti, con i family office e nel settore del prime brokerage.

L’orario di Hamers UBS

In un’intervista, ha giustificato il fatto che il nuovo CEO di UBS si è finora trattenuto con obiettivi finanziari specifici, non da ultimo con la pandemia della corona. I loro effetti sull’economia non sono ancora chiari: molte aziende avrebbero un accesso più facile ai prestiti che dovrebbero rimborsare dopo Corona. “Non è ancora del tutto chiaro come queste aziende sopravviveranno nella nuova normalità senza supporto”.

UBS vuole inoltre definire ulteriormente la sua strategia. Ciò accadrà nei prossimi nove mesi. “Allora i piani saranno in atto e saremo in grado di formulare nuovi obiettivi finanziari difficili”. (SDA)