Bill Gates: perdita totale per il private banking – Bill e Melinda Gates fungono da modelli per le banche private per investimenti sensati venduti ai super ricchi. Da solo: Bill Gates non può più fungere da poster boy per la filantropia.

Finews.ch 1.6.21

Bill Gates (Immagine: Keystone)

Bill e Melinda Gates fungono da modelli per le banche private per investimenti sensati venduti ai super ricchi. Da solo: Bill Gates non può più fungere da poster boy per la filantropia.

Bill e Melinda Gates hanno apportato cambiamenti duraturi al settore del private banking e della gestione patrimoniale: fino a poco tempo fa si era tentati di dire in meglio.

La Fondazione Bill & Melinda Gates ha dimostrato ai manager delle banche che con le idee di filantropia e di investimento “sensato”, si può trovare l’accesso alla clientela super ricca e ai loro miliardi. I family office hanno copiato i principi della Gates Foundation per investire le loro fortune in una buona causa e in un mondo migliore.

Le banche usano il carisma dei cancelli

Il favoloso potere finanziario e morale dietro la coppia Gates – la loro fondazione ha parlato di oltre 54 miliardi di dollari dal 2000 – ha suscitato ammirazione in tutto il mondo.

Banche svizzere come UBS e Lombard Odierhanno collaborato con la Fondazione Gates come co-investitori e utilizzano il suo carisma per incoraggiare la propria clientela a investire.

Il boom della sostenibilità è scoppiato

La Fondazione Gates ha portato un approccio innovativo al lavoro di sviluppo finora inefficiente: assegna denaro alla sua fondazione come capitale di rischio a progetti identificati dal suo team di scienziati e il cui impatto è misurato secondo precisi criteri economici. La Gates Foundation ha dato un contributo significativo allo sviluppo e alla definizione delle migliori pratiche in materia di responsabilità e trasparenza nelle aree di filantropia, impatto ed ESG.

Bill e Melinda Gates sono quindi forse una delle ragioni principali per cui l’industria finanziaria si è impegnata a raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) e ha innescato un boom della sostenibilità nel mondo degli investimenti.

Gates e il suo entourage

Ma la storia della coppia che fa meglio ha dovuto essere riscritta da quando i Gates hanno annunciato il loro divorzio. In particolare, sono sempre nuovi e spaventosi dettagli su Bill Gates e il suo entourage che non solo offuscano il nome e la reputazione della fondazione, ma li mettono anche in discussione nel suo complesso.

È interessante notare che è il “New York Times” che ha scritto spesso e molto positivamente negli ultimi anni su Bill Gates e sulle sue incessanti attività filantropiche e, più recentemente, sul suo lavoro personale e di successo nella lotta alla crisi del Covid 19 l’immagine PR di fare -gooders e porte “supercervello”, che è stato attentamente costruito e coltivato nel corso degli anni, viene ora smantellato a poco a poco .

La sua relazione con Jeffrey Epstein

Nelle rivelazioni in corso su Gates come famigerato donnaiolo o sull’amministratore razzista e sessista dei beni della fondazione, Michael Larson, spicca in particolare un episodio: Il rapporto personale e d’affari con Jeffrey Epstein (articolo a pagamento) , il super- ricco del sesso delinquente morto nell’agosto 2019 Prigione sospettata di essersi suicidata.

L’articolo afferma che Gates e i dipendenti della Gates Foundation si sono incontrati più volte con Epstein a partire dal 2011 per perseguire i piani per un fondo di beneficenza che avrebbe dovuto essere gestito insieme alla banca statunitense JP Morgan.

Contatti fino al 2017

Gates sapeva che Epstein era stato condannato per reati sessuali e aveva sedotto i minori alla prostituzione. Ma ha mantenuto rapporti con lui e ha chiesto ai dipendenti di elaborare piani su come le relazioni di Epstein avrebbero potuto raccogliere fondi per il fondo di beneficenza pianificato.

Il fondo non si è concretizzato. Gates ha concluso i suoi incontri e le sue conversazioni con Epstein nel 2014, ma lo staff della Gates Foundation è rimasto in contatto fino al 2017.

“Business” prima di “Scopo”

Tale azione consapevole di Gates e della sua fondazione rivela un opportunismo che antepone il “business” allo “scopo” e trasforma le attività filantropiche sotto l’etichetta di Gates in una facciata.

Le banche come UBS o Lombard Odier, che vendono il loro impatto e investimenti filantropici agli investitori con lo slogan “Fai del bene e guadagna soldi da esso”, devono affrontare in modo più critico la questione se ci sia “business” o “scopo” dietro il loro Strategie di sostenibilità.

La credibilità e una facciata accuratamente costruita e ordinata della nuova significatività sono rapidamente scomparse.