Nuova tempesta nel mercato delle criptovalute: bitcoin sprofonda sotto i $ 30.000

Bitcoin è sceso a $ 28.814 prima di salire a $ 31.445. Il mercato sta vivendo una correzione diffusa e teme il secondo atto del crollo globale di maggio. A giugno sono andati in fumo 400 miliardi di dollari. Il nervosismo è grande prima dell’apertura dei mercati

Le bitcoin a chuté de plus de 12 % jusqu'à 28.814 dollars avant de remonter à 31.445 dollars
Bitcoin è sceso di oltre il 12% a $ 28,814 prima di salire a $ 31.445 (Shutterstock)

Attraverso Nessim Aït-KacimiInserito il 22 giugno 2021 alle 16:20Aggiornato 22 giu 2021, 18:25 lesechos.grazie

Bitcoin è sceso di oltre il 12% a $ 28.814 prima di salire a $ 31.445, in calo del 3%. Ha perso il 55% dal suo record di aprile a 64.829 dollari. Sta vivendo il peggior secondo trimestre (-46%) dal 2014. Il nervosismo resta in ordine prima che i mercati asiatici aprano tra poche ore.

L’81% dei manager ritiene che il bitcoin sia una bolla secondo l’ultimo sondaggio mensile di Bank of America-Merrill Lynch. All’inizio di giugno sono stati intervistati 224 manager (667 miliardi di dollari di capitale).

I trader temevano che il leader di criptovalute più solido sarebbe sceso al di sotto di questa soglia psicologica di $ 30.000 con vendite da panico, soprattutto da parte di individui. Hanno paura di entrare nel secondo atto del crollo mondiale di maggio. Le prossime sessioni promettono di essere tese con il rischio che bitcoin scenda sotto i 20.000 dollari .

Domenica erano già stati chiusi 172.000 conti di trading sulle principali piattaforme (Huobi, OKEx…) a causa di perdite eccessivamente elevate. Gli speculatori scommettono erroneamente e troppo presto sul rimbalzo di bitcoin. È probabile che l’attuale turbolenza spazzi via molti più operatori.

Correzione generalizzata

Il mercato delle criptovalute sta vivendo una correzione diffusa e non è riuscito a riprendersi in modo sostenibile da maggio. Dopo aver perso tra il 15% e il 25% durante il giorno, le criptovalute riducono le loro perdite tra il 10% e il 15%.

La volatilità è di nuovo alle stelle. Il mercato non offre diversificazione. Tutte le criptovalute si stanno muovendo nella stessa direzione e nessuna è considerata un bene rifugio. La correlazione tra le prime 10 criptovalute è ai massimi da maggio 2019, secondo la società di analisi di mercato Skew. Dal loro record di quest’anno, le criptovalute sono crollate dal 60% all’80%.

A giugno, la capitalizzazione del mercato globale delle criptovalute è scesa di $ 400 miliardi a $ 1,2 trilioni, secondo coinmarketcap. Bitcoin rappresenta il 47% del mercato e l’etere il 17%.

A Wall Street, i titoli crypto stanno subendo le ripercussioni del crollo dei prezzi. Coinbaseperde quasi il 3% e MicroStrategy quasi il 6%. Il suo leader Michael Saylor specifica che il suo gruppo ha gradualmente acquisito più di 105.000 bitcoin ad un prezzo medio di 26.080 dollari. Una caduta duratura di bitcoin al di sotto di questo livello indebolirebbe la sua società.

Elon Musk si è finora astenuto da qualsiasi commento dispregiativo o ironico sulla caduta delle criptovalute. Il mercato si chiede se Tesla abbia recentemente venduto il resto del suo bitcoin.

Hedge fund: interesse per le criptovalute

Gli hedge fund stanno mostrando interesse per le criptovalute a medio termine. Si tratta soprattutto di piccoli fondi (patrimonio inferiore a $ 100 milioni) che operano nei mercati emergenti o nelle materie prime. Questa è la conclusione di un’indagine su 100 hedge fund effettuata ad aprile dal gruppo Intertrust. In 5 anni stimano di aver investito in media il 7,2% del proprio patrimonio in criptovalute. I fondi americani sono i più entusiasti. Vogliono investire il 10% del loro capitale in criptovalute e bitcoin a medio termine. Accanto a questi fondi di modeste dimensioni, alcuni grandi hedge fund globali macro o quantitativi sono già entrati in questo mercato. Si occupano in particolare di futures e opzioni bitcoin. VS’