B.Mps: alla prova dello stress test (MF)

Fonte: MF Dow Jones (Italiano)

La pubblicazione dei risultati dello stress test (prevista per venerdì 30 luglio, come comunicato ieri dall’Eba) sarà lo snodo decisivo per la privatizzazione del Montepaschi. 

Il delicato processo di uscita del Tesoro dal capitale della banca senese, spiega MF, rischia nuovamente di arenarsi dopo lo sprint impresso all’inizio del mese dall’azionista pubblico. Questa è la previsione che negli ultimi giorni circola dalle parti di via XX Settembre dove il dossier è seguito con grande attenzione dal direttore generale Alessandro Rivera e dagli advisor BofA Merrill Lynch e Orrick. A raffreddare gli umori sarebbero state le perplessità manifestate nel corso della scorsa settimana da alcune delle controparti coinvolte nel cantiere della privatizzazione. L’idea dell’azionista sarebbe quella di articolare il processo di exit in due fasi: in un primo momento via XX Settembre passerebbe in blocco la quota a un soggetto privato che, in un secondo momento, cederebbe sul mercato diversi perimetri dell’attivo sia per ottemperare alle richieste dell’Antitrust sia per rendere meno impegnativo il boccone. Qualcosa di simile insomma a quanto fatto lo scorso anno da Intesa Sanpaolo che, dopo la conquista di Ubi Banca, ha ceduto 650 sportelli del gruppo lombardo a Bper per ottemperare agli impegni presi con l’Antitrust. Le perplessità però non mancano sia nell’ Unicredit di Andrea Orcel (principale interlocutore del Tesoro per la privatizzazione) che nelle banche medie avvicinate negli ultimi mesi da Banco Bpm alla Bper. 

red/lab 

MF-DJ NEWS 

2908:37 giu 2021 

 

(END) Dow Jones Newswires

June 29, 2021 02:38 ET (06:38 GMT)