Il vigile bancario europeo va a caccia di eccezioni nazionali per favorire le fusioni

La Banca centrale europea apre martedì e fino alla fine di agosto una consultazione per armonizzare la moltitudine di norme nazionali che possono rallentare i matrimoni tra le banche dell’area euro.

La BCE sta cercando di aggiornare o modificare non meno di 56 “opzioni e discrezionalità nazionali”.
La BCE sta cercando di aggiornare o modificare non meno di 56 “opzioni e discrezionalità nazionali”. (otturatore)

Attraverso Edward LedererInserito il 29 giugno 2021 alle 11:02Aggiornato 29 giu 2021, 14:13 lesechos.fr

E se questa volta le autorità bancarie riuscissero a forzare la serratura? La Banca centrale europea (BCE), che vigila sulle principali banche dell’area euro, apre questo martedì, e fino alla fine di agosto, una consultazione su una serie di misure che, se adottate nei mesi a venire, potrebbero aiutare maggiormente banche di fondersi nel Vecchio Continente .

Più precisamente, la BCE cerca di aggiornare o modificare non meno di 56 “opzioni e discrezionalità nazionali”, vale a dire tutto ciò che consente agli Stati membri dell’Unione di applicare alle banche norme nazionali in atto e in luogo di regole comuni europee.